Home > Approfondimenti > Come scrivere libri per bambini
Come scrivere libri per bambini
Come scrivere libri per bambini

Come scrivere libri per bambini

Scrivere libri per bambini è un mestiere serio, molto serio. Se pensate che bastino poche righe, una favoletta e un po’ di abbellimenti, allora siete totalmente fuori strada. I bambini sono un pubblico esigente e nel momento in cui decidiamo di rivolgerci a loro la nostra responsabilità raddoppia. Ora dovrei scrivere un diplomatico «secondo me», invece ne sono talmente certa da ribadire un: è così e basta.

Se volete cimentarvi nella letteratura per bambini, lasciando da parte i problemi dell’editoria, che affronterete in un secondo momento, il primo aspetto da valutare è la vostra storia. Perché, immagino, che abbiate già almeno una storia da proporre.

Quella storia, che vi sta tanto a cuore, che vi piace e volete provare a proporre agli editori, ebbene quella, lasciatela decantare. Nel mentre vivete.

Praticamente, come scrivere libri per bambini?

Andate a leggere tanti, tantissimi, libri dedicati all’infanzia, fatevi una cultura su ciò che piace ai bambini e ciò che piace, invece, ai genitori. Sfogliate, guardate, leggete. E non ho finito. Andate alle fiere di settore, curiosate tra gli stand, fate domande, disturbate il più possibile.

E ancora: parlate con i bambini, cercate di capire cosa amano fare, quali sono le loro paure e le loro gioie, speranze e momenti di crescita.

Fatto?

Bene, mentre vivete questa nuova avventura, ricordatevi anche di vivere la vostra vita, magari con un po’ di curiosità in più: iscrivetevi a corsi, non importa quali, ma fatelo. Giardinaggio, haiku, programmazione, inglese. Conoscete persone e visitati musei e mostre.

Tra un’esperienza e l’altra potete riprendere la vostra prima storia, provate a riscriverla a pensarla per un pubblico o per nessuno, a disegnarla o semplicemente a cantarla.

Poi scrivetene un’altra e un’altra ancora.

In conclusione

Ci saranno momenti di sconforto, momenti di crisi. Fanno parte del gioco. Ma come dice sempre mia figlia: «Non ti preoccupare, mamma, tutto passa».

Il fatto è che scrivere è un mestiere insidioso. Non è affatto facile. Oltre al saper scrivere bene, la capacità di narrare e creare storie non scontata.

PS: e la morale?

Prima di augurarvi buona fortuna vorrei però analizzare una certezza che a mio avviso certa non è: i libri per bambini devono avere una morale. Lo leggerete, ve lo diranno, probabilmente in molti se lo aspettano. Però vi invito a riflettere su questo punto: perché mai devono?

Alcuni libri hanno una morale, certo, ma altri capolavori dell’infanzia non intendono minimamente fare la morale a nessuno. Anzi. A volte insegnano, altre sognano, altre ancora sono semplicemente belli.

Non sempre la morale è necessaria, la storia è vostra, vostra la scelta.

Foto | Pixabay

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

x

Check Also

Libri per bambini da leggere durante le vacanze

Libri per bambini da leggere durante le vacanze

Quali libri per bambini da leggere durante le vacanze? Le proposte sono tante ma c'è un principio fondamentale: mai obbligare i bambini a leggere, altrimenti si ottiene l'effetto contrario.

Particolare della copertina di «E tu di che colore sei?» di Silvia Serreli

Libri per bambini contro il razzismo

Alcuni libri per bambini contro il razzismo, ben sapendo che il razzismo è un problema di noi adulti: vediamo di non rovinare i bambini con idee sbagliate!