Home > Libri > «Dinotrappole» di Matteo De Benedittis, con illustrazioni di Maddalena Gerli
Dinotrappole
Evviva le «Dinotrappole»!

«Dinotrappole» di Matteo De Benedittis, con illustrazioni di Maddalena Gerli

Dinotrappole di Matteo De Benedittis, illustrazioni di Maddalena Gerli (Edizioni San Paolo 2017), è un libro per bambini e bambine sveglie, perché nessuno può dire ai bambini cosa possono fare o non fare da grandi, e non c’è limite alla fantasia, basta solo saperla ascoltare.

Dino da grande vuole fare il dinosauro. Ovviamente questo scandalizza la maestra e i compagni di classe, ma Dino non ha dubbi. L’unico problema è: chi può insegnargli a fare il dinosauro? Soluzione? Un dinosauro! Ovvio no?

«E tu, Dino, cosa vuoi fare da grande?»
«Il dinosauro!»
«Dino, il dinosauro non è un mestiere… Puoi fare l’archeologo o il paleontolog…»
«No! Il dinosauro! Io voglio fare il dinosauro! Il dinosauro preistorico! Con le spine, punte, zanne e artigli! Con la corazza, il guscio, le placche ossee, voglio ruggire
nelle foreste carbonifere e diventare un fossile!
Grooaaaarghh!»

Perché ci piace «Dinotrappole»

Matteo De Benedittis, DinotrappoleRicco di suoni, giochi di parole e spunti per giochi all’aria aperta, Dinotrappole è una storia che cattura l’attenzione fin da subito, vuoi per i ruggiti che la fanno da protagonisti, o per l’ingegno nel costruire trappole (del resto non si trovano dinosauri ogni giorno è necessario catturarne uno per imparare da lui!). Il libro riesce a far volare la fantasia e contemporaneamente a tirare le orecchie agli adulti: quando si è di fronte a un problema il primo passo è trovare la soluzione, mai dire mai. Parola di Dino.

Elia Tresalti studiava per fare l’Ingegnere Trappologo.
Trappole. Costruiva… trappole! Dino non immaginava un mestiere più emozionante (tranne il dinosauro).
Qualche giorno prima gli aveva spiegato i trabocchetti a botta, a tagliola, a veleno, a spranga, a svenimento, a balestra, a tappo, a mantide, a clavicembalo. E poi gli aveva spiegato le botole da grondaia, da libro, da portiera, da pentola, da portafoglio, da merenda, da astuccio, da tasca.
Sapeva fare ogni tipo di trappole… Anche le trappole per altre trappole!
Elia era un genio.

Dinotrappole è ottimo come prime letture, o da leggere assieme ai genitori. Ma attenzione alle trappole e … al gatto!

Dati del libro

Matteo De Benedittis
Maddalena Gerli (illustrazioni)
Dinotrappole
Edizioni San Paolo 2017
pp. 64

Dinotrappole di Matteo De Benedittis, illustrazioni di Maddalena Gerli (Edizioni San Paolo 2017), è un libro per bambini e bambine sveglie, perché nessuno può dire ai bambini cosa possono fare o non fare da grandi, e non c’è limite alla fantasia, basta solo saperla ascoltare. Dino da grande vuole fare il dinosauro. Ovviamente questo scandalizza la maestra e i compagni di classe, ma Dino non ha dubbi. L’unico problema è: chi può insegnargli a fare il dinosauro? Soluzione? Un dinosauro! Ovvio no? «E tu, Dino, cosa vuoi fare da grande?» «Il dinosauro!» «Dino, il dinosauro non è un mestiere... Puoi fare…

Score

Leggibilità
Storia
Illustrazioni
Prezzo

Cattura l'attenzione

Conclusione : Ottimo per le prime letture

Voto Utenti : 4.9 ( 1 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

x

Check Also

Dalla testa ai piedi. Sopra sotto dentro fuori il corpo umano

«Dalla testa ai piedi. Sopra sotto dentro fuori il corpo umano», di Andrea Valente

Quando aveva tre anni Giulia, la mia bambina ora ottenne, voleva assolutamente convincermi che dentro ...

Thé Tjong-Khing, Bosch

«Bosch» di Thé Tjong-Khing finalista al Premio Andersen 2018 – miglior libro senza parole

Il silent book «Bosch» di Thé Tjong-Khing (edito da Beisler) è finalista al Premio Andersen 2018 - miglior libro senza parole: un libro che merita veramente.