Home > Approfondimenti > Libri per bambini senza stereotipi
Libri per bambini senza stereotipi: particolare della copertina del libro «Luna e la camera blu» (Babalibri)
Libri per bambini senza stereotipi: particolare della copertina del libro «Luna e la camera blu» (Babalibri)

Libri per bambini senza stereotipi

I libri senza stereotipi sono difficili da trovare, e, mi dispiace ma devo scriverlo, a volte anche il voler essere senza stereotipi a tutti i costi è un’etichetta che rischia di cadere nello stereotipo. In sintesi, non è per nulla facile, soprattutto se rivolti ai più piccoli, e attenti, lettori.

Perché più difficile? Perché se una bambina vuole essere una principessa non c’è nulla di male. Ecco l’ho scritto: non odiatemi care femministe, ma a volte capita, capita che la bambina nonostante le letture e i giochi «giusti» decida che per quel giorno vuole fare la principessa. Viceversa, se il bambino decide di essere un Supereroe, è un suo diritto esserlo come e quando vuole. Detto questo, è innegabile che alcuni libri per bambine siano troppo rosa, o ci siano troppi supereroi per i bambini.

Lo stesso discorso vale per i vestiti. Credo che gli abiti per bambine siano scialbi rispetto a quelli per bambino: soprattutto le scritte delle magliette!

Riuscire a dare un equilibrio anche alle letture è un compito indispensabile, degli editori e dei genitori. Ma anche lasciare ai bambini la libertà di scegliere aiuta: ovvero se la bambina carina con le codine sceglie un libro sui mostri non ostacoliamo la sua scelta, anzi!

Per tornare al titolo: libri per bambini senza stereotipi, a mio avviso è davvero difficile trovarli, vuoi in un senso o vuoi nell’altro l’essere senza stereotipi è complicato quando parliamo di persone (forse è per questo che i bambini più piccoli amano i libri sugli animali!).

Alcuni libri per bambini senza stereotipi

La principessa che voleva diventare cavaliere di Kirsti Senftleben, con illustrazioni di Sigrid Leberer (Editrice IdeeAli): un libretto semplice ma d’effetto che apre alle varie possibilità della vita e soprattutto alla famosa forza di volontà che tanto amiamo noi adulti.

Sempre per le bambine principesse Nord-Sud propone Principessa ribelle di Anna Kemp e Sara Ogilvie: divertente libretto per bambine che non amano l’ordine e preferiscono infangarsi in giardino.

In questo filone, principesse anticonvenzionali, troviamo moltissime proposte: Storia incredibile di due principesse che sono arcistufe di essere oppresse, di Monica Colli, Rossana Colli e Irene Bedino (Lapis), oppure Una principessa al bacio di Maranke Rinck e Martijn van der Linden (Edizioni Lemniscaat).

Ma, e i principi? Già i principi… Per loro poche speranze, ci sono draghi e mostri vari, principi che salvano principesse, ma pochi principi che si fanno salvare dalle principesse ad esempio, o principi gentili.

Credo che il punto sia proprio qui: se vogliamo togliere stereotipi non possiamo soffermarci sulla sola educazione femminile. Certo insegnare alle bambine che possono fare ed essere ciò che vogliono è importante, ma è nostro dovere spiegare anche ai bambini il rispetto verso tutti (non solo le donne) e la gentilezza. Uccidere mostri va bene, altrimenti che divertimento c’è ad essere bambini?, ma cerchiamo di coinvolgere maggiormente gli uomini di qualsiasi età altrimenti ripetiamo lo stesso errore delle nostre mamme: andiamo in battaglia da sole, ma nel mondo non siamo mai sole.

Ad esempio Storie della buonanotte per bambine ribelli di Elena Favilli e Francesca Cavallo è un bellissimo libro, ma lo avrei preferito più per «tutti», o, provoco, una seconda edizione: Storie della buonanotte per bambini gentili.

Un esempio a mio avviso valido per tutti, bambine e bambine, è il bellissimo albo: Luna e la camera blu di Magdalena Guirao Jullien e Christine Davenier (Babalibri), aperto a ogni possibilità, capace di calmare e contemporaneamente osare con la fantasia, nello spazio reale, nella stessa carta bianca. A mio avviso questo albo mostra come sia possibile conquistare maschi e femmine, senza disturbare nessuno.

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l’attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Particolare della copertina del libro «Bum, baby, bum bum»

Libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Uno sguardo ad alcuni libri per bambini con difficoltà di linguaggio, con alcuni consigli pratici per come leggere tali testi e farli apprezzare dai più piccoli.

Guia Risari, Gli amici del fiume. Illustrazioni di Giulia Rossi

Intervista doppia a Guia Risari e Giulia Rossi, autrice e illustratrice de «Gli amici del fiume»

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Guia Risari e Giulia Rossi, rispettivamente autrice e illustratrice del libro «Gli amici del fiume» (S. Paolo edizioni – da 10 anni).