Home > Libri > «Vietato agli elefanti», di Lisa Mantchev e Taeeun Yoo
Lisa Mantchev e Taeeun Yoo, Vietato agli elefanti
Lisa Mantchev e Taeeun Yoo, Vietato agli elefanti

«Vietato agli elefanti», di Lisa Mantchev e Taeeun Yoo

Amicizia e inclusione: può un solo albo raccontarci tutto questo? Argomento complesso e dannatamente difficile anche per gli adulti. Vietato agli elefanti di Lisa Mantchev, con le illustrazioni di Taeeun Yoo non solo lo fa, ma lo fa anche con gran classe!

Ora una parentesi. Viviamo in un periodo in cui la rabbia quotidiana non si limita a vivere la realtà ma si sfoga anche attraverso i social network: siamo delusi, affranti, furiosi più o meno con tutti e tutto. Sappiamo benissimo che questo nostro stare male non va bene per i più piccoli, ma spesso ce ne dimentichiamo e li rendiamo partecipi di sfoghi e dialoghi sprezzanti. I nostri bambini assorbono questa rabbia, è inevitabile, la fanno propria, e poi ci stupiamo quando li vediamo litigare furiosamente o discutere in maniera eccessiva per la loro età.

Vietato agli elefanti

Lisa Mantchev e Taeeun Yoo, Vietato agli elefanti

Lisa Mantchev e Taeeun Yoo, Vietato agli elefanti

Per tornare all’albo di oggi, “Vietato agli elefanti” è una storia di una dolcezza incredibile, e con il suo stile chiaro, inconfondibile, aiuta i piccoli a dare un valore all’amicizia, quella vera, e a capire cosa sia l’inclusione, quella difficile. Contemporaneamente, fa il verso agli adulti, talmente presi da divieti, regole, e cartelli da dimenticare cosa significa accogliere, e tutte le sue sfumature.

Uno splendido bambino ha un animale da compagnia davvero insolito: un cucciolo di elefante. Non ci è dato sapere perché e soprattutto come sia potuto accadere, ma l’affetto che lega questi due protagonisti appare evidente fin dalle prime tavole. Si accudiscono a vicenda, nonostante le difficoltà!

Ma, e qui arriva il grande «ma», un giorno il bambino decide di andare al Club degli Amici Animali, sicuri di poter passare una giornata piacevole, e invece vengono bloccati all’ingresso dove un cartello enorme recita: Vietato agli elefanti. È perché mai? Per quale motivo gli elefanti non possono entrare? Perché gli altri sì e lui no?

Il perché non viene spiegato, ma la tristezza che avvolge i nostri due eroi è tangibile: quel luogo non li vuole. La pioggia sottolinea lo stato d’animo.

Ed ecco l’imprevisto, durante la via del ritorno, mentre vagano sotto la pioggia grigia, i nostri incontrano una bambina, anche lei amareggiata e sola, mentre coccola la sua puzzola. A quanto pare anche lei è un’esclusa! Perbacco! Sono così carine le puzzole!

Il problema necessita una soluzione. Insieme i due bambini decidono di creare un luogo che possa accogliere tutti, ma proprio tutti: giraffe, pipistrelli, armadilli e pinguini (io un pinguino lo adotterei volentieri).

Così, il club dei bambini degli animali d’affezione più strampalati della terra si ritrova in un parco con casa sull’albero. Un luogo bellissimo che accoglie tutti, senza alcuna distinzione.

Perché ci piace il libro

Una lezione semplice, una storia che piace tantissimo (però potrebbe portare a richieste strane… Vi devo avvisare: chi non vorrebbe un elefante in casa?), un modo alternativo per parlare di inclusione.

Il formato grande e le splendide tavole illustrate rendono l’albo semplicemente perfetto.

Amicizia e inclusione: può un solo albo raccontarci tutto questo? Argomento complesso e dannatamente difficile anche per gli adulti. Vietato agli elefanti di Lisa Mantchev, con le illustrazioni di Taeeun Yoo non solo lo fa, ma lo fa anche con gran classe! Ora una parentesi. Viviamo in un periodo in cui la rabbia quotidiana non si limita a vivere la realtà ma si sfoga anche attraverso i social network: siamo delusi, affranti, furiosi più o meno con tutti e tutto. Sappiamo benissimo che questo nostro stare male non va bene per i più piccoli, ma spesso ce ne dimentichiamo e…

In sintesi

Leggibilità
Storia
Illustrazioni
Prezzo

Un libro necessario

Conclusione : Per tornare ad accogliere, senza alcun pregiudizio.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Luisa Aguilar, Orecchie di farfalla

«Orecchie di farfalla», di Luisa Aguilar

«Orecchie di farfalla» di Luisa Aguilar è un modo originale per affrontare la diversità e combattere le prese in giro.

Particolare della copertina de «La grande quercia»

La grande quercia, di Gerda Muller

«La grande quercia» di Gerda Muller è un racconto che si snoda lungo il ritmo delle stagioni, un libro senza tempo, all'ombra di una quercia ultracentenaria.