Home > Libri > Tana, libro tattile di Ilaria e Lucia Macchiarini
Tana, libro tattile di Ilaria e Lucia Macchiarini
Tana, libro tattile di Ilaria e Lucia Macchiarini

Tana, libro tattile di Ilaria e Lucia Macchiarini

Può un libro essere letto, guardato, toccato, da tutti, ma proprio tutti i bambini? Pare proprio di sì, in barba a tutte le limitazioni editoriali, o meglio delle difficoltà che le varie case editrici incontrano, perché un libro lo si deve vendere è innegabile. C’è chi va oltre, oltre ogni legge del mercato, ogni aspettativa e oltre ogni consentito. Tana, di Ilaria e Lucia Macchiarini è un libro tattile, nel senso che si tocca e, a quanto pare, è molto morbido, coccoloso. È un libro che piace a tutti i bambini, perché ha una storia che si può toccare, indovinare e immaginare.

Tana, un bel libro tattile

L’idea ci sembra davvero molto bella, ma a quanto pare non piace solo a noi di libriebambini.it. Tana ha ricevuto infatti due importanti premi Miglior Libro Italiano 2017, menzione speciale plurihandicap e al secondo posto al concorso internazionale Typhlo & Tactus Award 2017. La motivazione della Giuria:

«È un libro che facilita l’incontro fra chi vede e chi non vede, grazie alla semplicità delle immagini tattili e alla chiarezza del testo. È un lavoro inclusivo che soddisfa l’esigenza del bambino di vivere approcci sensoriali stimolanti e coinvolgenti e sollecita, proprio in chi ne ha più bisogno, la curiosità e l’interesse, oltre ad educare l’esplorazione tattile verso la scoperta delle cose».

Personalmente capisco che questi libri siano complicati da realizzare per un editore, e proprio per questo motivo ammiro ancora di più chi, come Ilaria e Lucia, impiega tempo e risorse per realizzare questi capolavori. Pensare a tutti è un nostro dovere di adulti.

Quindi, brave, bravissime. Quando il prossimo?

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l’attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Io sono soltanto una bambina

Io sono soltanto una bambina, di Jutta Richter

«Io sono soltanto una bambina» è un bel libro di Jutta Richter (traduzione Bice Rinaldi, illustrazioni Hildegard Müller) che narra le vicende di Hanna.

L'invenzione che ho inventato

L’invenzione che ho inventato, di Alice Montagnini

«L'invenzione che ho inventato» è un albo illustrato di Alice Montagnini con disegni di Rebecca Serchi che si concentra sulla creatività dei bambini.