Home > Libri > «La contessa sul tetto», di Alice Keller
Alice Keller, La contessa sul tetto
Alice Keller, La contessa sul tetto

«La contessa sul tetto», di Alice Keller

In alcuni momenti si ha la sensazione di rileggere storie già lette, come se non fosse più possibile incrociare quel nuovo capace di stupire. Ma, per fortuna, la vita ti permette di incontrare romanzi come La contessa sul tetto di Alice Keller (San Paolo edizioni).

Un romanzo insolito, capace di destabilizzare il lettore per i tanti messaggi trasmessi, ma contemporaneamente di cullare e rassicurare perché nulla accade senza una ragione. Attraverso una scrittura pulita, lineare, oserei dire gentile, l’autrice ci accompagna in un mondo terribilmente realistico e assolutamente fantastico, senza farci comprendere cosa è vero e cosa no, perché in fondo non è così importante.

La contessa sul tetto

Diana ha 11 anni, vive con un papà decisamente impegnativo, suona e continua a suonare e sembra che la sua vita si possa sintetizzare con «viveva suonando il violoncello». I suoi pochi momenti liberi li passa con Flavio, un simpatico ragazzo autistico. Tra una lezione, una merenda con Flavio e i discorsi del suo papà, esperto in felicità, Diana sopravvive al presente.

«Non esistono problemi, esistono solo soluzioni».
Lo diceva perfino al macellaio, e lo diceva, quando perdeva i libri, alla signora della biblioteca. E lo disse, quel pomeriggio, quando Diana Pilchard tornò a casa, affannata, tenendo sottobraccio Lara e senza aver suonato: non esistono problemi, esistono solo soluzioni. E la soluzione qual era?

Alice Keller, La contessa sul tetto

Alice Keller, La contessa sul tetto

In realtà Diana ha una migliore amica, un pennuto: Lara, solito a scappare almeno una volta alla settima. A Lara va infatti il merito di essere riuscita a catturare la curiosità di Diana, bambina sicuramente dotata e intelligente, ma che rischia di venire decisamente sopraffatta da frasi tipo: «Solo i perdenti hanno tempo per sognare. I vincitori, loro sì che passano all’azione».

Così Diana mentre insegue Lara sul tetto, dove le era proibito andare, scopre una strana signora…

Una favola moderna

Alice Keller incanta. La contessa sul tetto è una favola moderna capace di risvegliare sentimenti del presente, senza mai scadere nell’ovvio, attraverso forti suggestioni, a tratti spaventose altre nostalgiche e gioiose, l’autrice riesce a trasportare il lettore nel mondo di Diana per poi accompagnarlo fino a scoprire verità, sogni e speranze.

Mentre leggevo, mi sono chiesta se questo romanzo non fosse troppo complicato per i ragazzi. Ma sinceramente ora, terminata la lettura, credo di no: ritengo si tratti di una lettura onesta, sicuramente complessa, ma affrontabile e capace di regalare momenti magici senza mai oltrepassare quel confine dove il sogno rischia di perdersi nell’impossibile.

In alcuni momenti si ha la sensazione di rileggere storie già lette, come se non fosse più possibile incrociare quel nuovo capace di stupire. Ma, per fortuna, la vita ti permette di incontrare romanzi come La contessa sul tetto di Alice Keller (San Paolo edizioni). Un romanzo insolito, capace di destabilizzare il lettore per i tanti messaggi trasmessi, ma contemporaneamente di cullare e rassicurare perché nulla accade senza una ragione. Attraverso una scrittura pulita, lineare, oserei dire gentile, l’autrice ci accompagna in un mondo terribilmente realistico e assolutamente fantastico, senza farci comprendere cosa è vero e cosa no, perché in fondo…

Score

Storia
Leggibilità
Prezzo

Altamente consigliato

Conclusione : Un romanzo per ragazzi davvero interessante, sia per la storia che lo stile narrativo. Sentiremo ancora parlare di Alice Keller

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Rocio Bonilla e Oriol Malet, Max e i Supereroi

Max e i Supereroi, di Rocio Bonilla e Oriol Malet

Max e i Supereroi è una incantevole storia di Rocio Bonilla e Oriol Malet: scopri perché ogni bambino dovrebbe leggerla, non solo chi è fan dei Supereroi.

«Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro» di Nadia Terranova

«Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro» di Nadia Terranova

Leggi la nostra recensione del libro Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro e scopri perché il romanzo di Nadia Terranova merita di essere letto.