Home > Libri > «Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro» di Nadia Terranova
«Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro» di Nadia Terranova
«Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro» di Nadia Terranova

«Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro» di Nadia Terranova

La storia di oggi è davvero particolare. Già perché non solo riesce a conquistare il cuore di chi legge per capacità narrative, ma soprattutto fa riflettere tutti: i più piccoli possono scoprire tra queste righe cos’è la zoomafia (senza troppi dettagli macabri l’autrice riesce a delineare perfettamente la situazione), mentre gli adulti si ritroveranno a chiedersi se non stiamo pretendendo troppo dai nostri ragazzi: adulti troppo in fretta, o bambini troppo a lungo.

Già perché in Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro Nadia Terranova presenta la vicenda di Agata, dodicenne abbandonata in casa da sola a Ferragosto, e di Gabo, diciottenne con davvero troppe responsabilità sulle spalle.

“Sarò un po’ megalomane ma il mondo sembra aver bisogno di me e mi reclama a gran voce. Se ho due problemi, per neutralizzarli posso provare a farli imbattere l’uno nell’altro. Non ho capito bene come, ma sento che questa specie di pensiero laterale potrebbe portarmi da qualche parte”.

Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro

«Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro» di Nadia Terranova

«Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro» di Nadia Terranova

Agata, scrivevo, è sola a casa: una sorta di sogno per molti adolescenti. Eppure la solitudine non la abbandona un solo attimo. Agata è molto spaventata ma ha promesso alla sorella maggiore, che odia e ama alla follia, di starsene buona buona chiusa in casa per alcuni giorni, mentre lei è in montagna con il fidanzato e i genitori, ignari di tutto, sono in Svizzera al capezzale della nonna.

Così Agata un po’ per noia e un po’ per sfogo ci racconta tutta la sua vita. In sintesi non preoccupatevi: una famiglia in realtà normalissima diventa una cosa complicatissima sotto al suo sguardo indagatore. È intelligente Agata, molto intelligente, ma è pur sempre una bambina di 12 anni.

Gabo, un giorno le porta le pizze. Agata ne ordina due per recitare la parte “Sono a casa con mia sorella, ma lei ora è in bagno” peccato che la sorella, che a tratti sembra la strega cattiva di Biancaneve, mangi sempre la stessa pizza. Così Gabo capisce che qualcosa non torna, e come un qualsiasi cittadino modello entra dentro l’appartamento di Agata per scoprire il mistero.

Alla fine i due fanno amicizia, Gabo decide di prendersi cura di questa strana ragazzina, e Agata parla parla parla… probabilmente la solitudine imposta ha influenzato ogni suo freno.

Gabo però ha anche una missione importante: far scapare cani e cavalli utilizzati per le corse clandestine…

Perché ci è piaciuto il libro

I personaggi di questa particolare vicenda narrata in Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro sono ben costruiti, così come i dialoghi e le ambientazioni. Due ragazzi si ritrovano a comportarsi da adulti a Ferragosto, una tornerà a fare la bambina, l’altro diventerà presto un adulto: un ottimo adulto.

«Mi chiamo Agata Antenorie ho dodici anni e mezzo. Sono le dieci di mattina. È mercoledì undici agosto, il primo di cinque giorni che passerò da sola nella mia casa di città. Mia madre e mio padre si trovano in Svizzera perché mia nonna sta morendo.
Prima di partire mi hanno affidata a mia sorella da parte di madre, Leila Guibeaux, ventidue anni sprecati. Leila è partita di nascosto per raggiungere in montagna l’ultimo dei suoi fidanzati. Tornerà dopo Ferragosto.
Leila ha fiducia in me, è convinta che me la caverò. Io non so se lei se la caverà».

La storia di oggi è davvero particolare. Già perché non solo riesce a conquistare il cuore di chi legge per capacità narrative, ma soprattutto fa riflettere tutti: i più piccoli possono scoprire tra queste righe cos’è la zoomafia (senza troppi dettagli macabri l’autrice riesce a delineare perfettamente la situazione), mentre gli adulti si ritroveranno a chiedersi se non stiamo pretendendo troppo dai nostri ragazzi: adulti troppo in fretta, o bambini troppo a lungo. Già perché in Storia d'agosto, di Agata e d'inchiostro Nadia Terranova presenta la vicenda di Agata, dodicenne abbandonata in casa da sola a Ferragosto, e di Gabo,…

Score

Storia
Leggibilità
Prezzo

Da leggere

Conclusione : Una storia che fa riflettere tanto i giovani lettori quanto gli adulti.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Una delle illustrazioni del libro «La tigre di Anatolio»

«La tigre di Anatolio» di Guia Risari, illustrazioni di Giulia Rossi

Guia Risari scrive «La tigre di Anatolio» una storia per bambini illustrata da Giulia Rossi. Leggi la nostra recensione e poi anche il libro!

Dalla testa ai piedi. Sopra sotto dentro fuori il corpo umano

«Dalla testa ai piedi. Sopra sotto dentro fuori il corpo umano», di Andrea Valente

Quando aveva tre anni Giulia, la mia bambina ora ottenne, voleva assolutamente convincermi che dentro ...