Il pirata e il farmacista
Robert Louis Stevenson, Il pirata e il farmacista

Il pirata e il farmacista, di Robert Louis Stevenson

Robert Louis Stevenson: ma c’è davvero qualcuno che non conosce questo intramontabile scrittore scozzese? La sua Isola del tesoro ha invaso le camerette di molti ragazzini e il suo Dottor Jekyll ha inquietato grandi e piccoli, continuando nel tempo a intrigare e interessare registi di ogni paese.

La sua salute precaria, di certo non ha avuto il potere di mettere i bastoni tra le ruote della sua inesauribile creatività: romanzi, novelle, versi, saggi, dei quali certo non possiamo aver letto tutto! Dunque oggi vi suggeriamo una sua particolare e breve creazione pubblicata dalla editrice Orecchio Acerbo, e intitolata Il pirata e il farmacista; la traduzione è di Damiano Abeni e ci mostra uno Stevenson piuttosto duro, particolarmente crudo nel finale, eppure molto intrigante sia nello stile che nel contenuto.

Il pirata e il farmacista

Robert Louis Stevenson, Il pirata e il farmacista
Robert Louis Stevenson, Il pirata e il farmacista

Siamo davanti a dei versi, o meglio, a una vera e propria ballata in rima in cui incontriamo due personaggi, Ben e Rob, uniti dallo stesso luogo natio (un piccolo villaggio), amici d’infanzia e compagni di scuola. Superata l’adolescenza le strade dei due si dividono evidenziando caratteri opposti: Ben è uno che resta sulla terraferma e che cerca di farsi una “posizione sicura”, diventando il benestante farmacista del villaggio e passando gli anni ad accumulare “tesori”; Rob, incapace di star fermo e agitato come un leone in gabbia, scappa via per mare e seguendo la sua indole irrequieta si trasforma in un pericoloso pirata, temuto e raccontato quasi come una leggenda. Lui, i suoi tesori, lo conquista gridando “all’arrembaggio!” armato fino ai denti.

Quando i due, dopo anni, si incontrano di nuovo al villaggio, confrontano la loro vita e le loro scelte lasciandoci confusi sul classico schema dei buoni e cattivi, qui rivoluzionato dalla penna di Stevenson, di certo non datata, vista la “morale della favola” così facilmente adattabile ai nostri tempi!

Le illustrazioni di Henning Wagenbreth

L’interessante e curioso testo de Il pirata e il farmacista riproposto da Orecchio Acerbo, è affiancato e completato dalle sapienti illustrazioni del tedesco Henning Wagenbreth. I suoi disegni dai colori vivacissimi, ricordano quelli di vecchie e belle scatole di latta, seppure rivelino anche un tocco consistente di modernità.

Qualcuno lo ha definito un racconto dalla morale amorale, e noi – estrapolando per voi una frase che pare scritta oggi piuttosto che nella seconda metà dell’800 – ve lo consigliamo:

Ecco la chiave del mondo che ci è intorno:
ruba poco ma ruba ogni giorno.
E questo precetto è il manifesto
di ciò che chiamiamo un uomo onesto.

Susanna Trossero

Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Gli Inadottabili

Gli Inadottabili, i geniali personaggi di Hannah Tooke

Scopri la storia de Gli Inadottabili in cui Hannah Tooke ci narra di cinque orfani che riescono ad andare avanti in barba agli adulti.

Poldino

Poldino, il polpo che aiuta a conoscere i propri talenti

Poldino è un bell'albo di Chiara Sorrentino illustrata da Beatrice Bencivenni che invita i più piccoli a scoprire i propri talenti.