Poldino
Due pagine dell'albo Poldino di Chiara Sorrentino con illustrazioni di Beatrice Bencivenni

Poldino, il polpo che aiuta a conoscere i propri talenti

Ci vuole tempo e pazienza. Imparare è difficile e non sempre tutto fila liscio. Inciampiamo, ci abbattiamo, ci confrontiamo con gli altri… ma ognuno di noi ha una sua velocità e, soprattutto, ognuno ha i propri talenti.

Così, anche se a scuola sentirete i grandi dire: “Ma guarda Pinco com’è bravo, perché tu…”. “Ma vedi Pallo com’è veloce, non come te che sei lento…”. Ecco se a scuola vi dovesse capitare di sentire queste frasi qui, andate oltre.

Loro non sanno, poverini, che ognuno di noi è perfetto a modo suo, che ognuno di noi è originale e unico, e che se non siamo bravi in una cosa lo saremo sicuramente in un’altra. Non sanno che quando ci confrontano o giudicano fa tanto, tanto, male, ma che prima o poi tutti troviamo una strada. Inoltre si può anche cambiare ogni tanto, scoprire cose nuove, imparare e ricominciare, anche da grandi, rimettersi in gioco. Provare.

E se proprio non lo sanno, o non lo capiscono, allora potete leggergli la storia di Poldino di Chiara Sorrentino, in libreria per Giunti. Dal caso possono nascere talenti incredibili: a volte ci possiamo mettere un po’ a trovarli, ma anche voi scoprirete il vostro, ne sono sicura.

Conosciamo meglio Poldino

Poldino è un piccolo polpo, ed è un vero disastro! Inciampa, si ingarbuglia e scivola sui suoi bellissimi tentacoli. Che botte che prende il povero Poldino!

Per Poldino i guai cominciavano di mattina e proseguivano fino a sera. Quando la sveglia suonava, allungava troppo i tentacoli per spegnerla e cadeva giù dal letto.

Poldino
Chiara Sorrentino, Poldino. Illustrazioni di Beatrice Bencivenni

La scuola per lui è un vero e proprio dramma: afferrare, costruire, sollevare spostare… un disastro!

E durante i giochi di gruppo è ancora peggio: i suoi compagni di classe si arrabbiano sempre a causa della sua goffaggine. Per fortuna i genitori di Poldino lo sostengono giorno dopo giorno, convinti che anche il loro goffo figlio prima o poi scoprirà qualcosa in cui è bravo.

In realtà, anche se il grande Talento di Poldino viene svelato solo alla fine della storia (e non intendo svelarvelo qui!) Poldino ha un hobby che, se proprio devo, lo definirei strabiliante. Lui ripulisce il fondo del mare e colleziona oggetti, fotografie, forcine e sogni.

Una storia che aiuta a riflettere

La storia del giovane polpo ci fa riflettere, e molto, perché sottolinea come troppo spesso vorremmo bambini tutti uguali, bravi, buoni e belli, ma invece la realtà è ben diversa, per fortuna. I bambini sono tutti diversi, possono avere difficoltà o passioni, o semplicemente si possono annoiare, oppure essere semplicemente goffi come Poldino, ma ognuno di loro è unico.

Una bella storia, una prima lettura perfetta per raccontare la diversità e l’inclusione, ma soprattutto per tranquillizzare i tanti bambini che sono convinti di non essere bravi in niente e invece sono semplicemente alla ricerca del loro talento. E se non lo trovano subito, pazienza.

Ci vuole tempo e pazienza. Imparare è difficile e non sempre tutto fila liscio. Inciampiamo, ci abbattiamo, ci confrontiamo con gli altri… ma ognuno di noi ha una sua velocità e, soprattutto, ognuno ha i propri talenti. Così, anche se a scuola sentirete i grandi dire: “Ma guarda Pinco com’è bravo, perché tu…”. “Ma vedi Pallo com’è veloce, non come te che sei lento…”. Ecco se a scuola vi dovesse capitare di sentire queste frasi qui, andate oltre. Loro non sanno, poverini, che ognuno di noi è perfetto a modo suo, che ognuno di noi è originale e unico, e…

Score

Storia
Leggibilità
Illustrazioni
Prezzo

Stimolante

Conclusione : Scritta in stampatello minuscolo, la storia di Poldino è davvero una bellissima prima lettura, molto attuale anche se ambientata in fondo al mare, capace di riscaldare i cuori e di far riflettere anche gli adulti.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Noi umani

Noi umani. Storie, meraviglie e invenzioni delle antiche civiltà

Scopri l'albo Noi umani in cui Jonny Marx e Charlie Davis raccontano brillantemente storie, meraviglie e invenzioni delle antiche civiltà.

Gli Inadottabili

Gli Inadottabili, i geniali personaggi di Hannah Tooke

Scopri la storia de Gli Inadottabili in cui Hannah Tooke ci narra di cinque orfani che riescono ad andare avanti in barba agli adulti.