Crescere gentili
Crescere gentili

Crescere gentili: Naomi Shulman ci sprona alla gentilezza

Se chiedo a mia figlia un aggettivo per descrivere la sua migliore amica lei risponde senza esitare: la gentilezza. Una gentilezza che l’ha conquistata fin dal primo giorno di scuola, perché semplice e fatta di piccoli gesti quotidiani. I bambini se ne accorgono eccome!

Ma la gentilezza non è scontata, anzi. Spesso noi adulti la dimentichiamo: ci fermiamo a un semplice grazie, perdendo così un’occasione per rendere il mondo un luogo più felice. Vi sembra una banalità? A me no. Siamo i principali punti di riferimento dei nostri figli, ci osservano e imparano, e se ci dimentichiamo di essere gentili… semplicemente non sapranno come fare.

E davvero di tanta gentilezza ha bisogno il mondo in questo momento storico! Così ho accolto con estremo entusiasmo l’albo illustrato Crescere gentili di Naomi Shulman, con le coloratissime illustrazioni di Hsinping Pan (Edizioni Erickson), perché nella sua semplicità è semplicemente geniale.

Una delle cose belle dell’essere gentili è che genera ulteriore gentilezza. Comincia e fai diventare la gentilezza un’abitudine: non vorrai più smettere!

Crescere gentili

Crescere gentili
Crescere gentili

E per aiutarci in questa impresa l’autrice ci propone tantissime idee, frasi semplici ma di sicuro effetto, come un bel BUONGIORNO, o imparare a dire CIAO in tante lingue, per essere sempre pronti; ci sprona a fare i complimenti alle persone a cui vogliamo bene, perché una bella parola fa sempre piacere e aiuta ad affrontare la giornata. Offre consigli per realizzare semplici lavoretti colorati, avete mai provato a dipingere i sassi della gentilezza? Meravigliosi!

E ancora: lavoretti da fare in casa, senza che venga chiesto, idee, consigli per alleggerire un momento di tensione con una battuta, azioni gentili come leggere un libro a chi non sa ancora farlo.

Un libro coloratissimo, molto interessante, utile per i bambini che desiderano scoprire oltre 100 modi per essere gentili ogni giorno, ma anche agli adulti a caccia di idee semplici da realizzare, per riflettere insieme su questo modo d’essere così bello eppure così dimenticato.

Idee per gli amici ma anche per gli sconosciuti, che potrebbero tornare a sorridere dopo un bel gesto, e per la natura che certo ha davvero bisogno di gentilezza e amore per tornare a splendere. Consigli accoglienti e generosi, comprensivi e premurosi: per tutti, senza distinzione d’età.

Le illustrazioni

Una menzione particolare la meritano le illustrazioni, colorate, sgargianti. Apparentemente semplici riescono a rendere accattivante ogni proposta, a sostenere con interesse ogni azione, per scoprire colori e protagonisti ci ritroviamo a sfogliare il libro Crescere gentili senza sosta, come a voler sottolineare che la gentilezza è anche colorata, per ogni gusto e desiderio. La gentilezza è, e come tale vogliamo abbracciarla.

Se chiedo a mia figlia un aggettivo per descrivere la sua migliore amica lei risponde senza esitare: la gentilezza. Una gentilezza che l’ha conquistata fin dal primo giorno di scuola, perché semplice e fatta di piccoli gesti quotidiani. I bambini se ne accorgono eccome! Ma la gentilezza non è scontata, anzi. Spesso noi adulti la dimentichiamo: ci fermiamo a un semplice grazie, perdendo così un’occasione per rendere il mondo un luogo più felice. Vi sembra una banalità? A me no. Siamo i principali punti di riferimento dei nostri figli, ci osservano e imparano, e se ci dimentichiamo di essere gentili……

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Consigliatissimo

Conclusione : Un albo coloratissimo e innovativo, gentile come il suo titolo.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Non siamo angeli

Non siamo angeli: Guia Risari racconta il punto di vista dei bambini

Leggi l'albo Non siamo angeli di Guia Risari e Alicia Baladan e scopri cosa pensano i bambini quando vengono definiti angioletti.

la caduta del patriarcato

La caduta del patriarcato: Marta Breen racconta la storia del sessismo, la lotta e la resistenza delle donne

Sfoglia il graphic novel La caduta del patriarcato e scopri come Marta Breen con ironia e fondamenti storici narra la storia delle donne.