Home > Libri > Abbecedario teatrale. Il gioco del teatro per bambini e ragazzi, di Lucia Giustini e Ariella Abolaffio
Lucia Giustini e Ariella Abolaffio, Abbecedario teatrale. Il gioco del teatro per bambini e ragazzi
Lucia Giustini e Ariella Abolaffio, Abbecedario teatrale. Il gioco del teatro per bambini e ragazzi

Abbecedario teatrale. Il gioco del teatro per bambini e ragazzi, di Lucia Giustini e Ariella Abolaffio

A volte mi capita di leggere una paura ricorrente sui social: “I bambini non sanno più fare le capriole!”. L’idea che tutti i bambini devono per forza saper fare le capriole mi fa sorridere, lo ammetto.

I bambini sono diversi, probabilmente se uno sa fare la capriola l’altro saprà saltare altissimo o fare le ruote o correre fortissimo… Capisco, però, l’allarme: i bambini, non tutti sia chiaro, sembrano sconnessi dal loro corpo. C’è una insistenza diffusa a volerli far ragionare, capire, apprendere: tutto senza usare il corpo. Quel corpo così importante per conoscere il mondo, viene messo da parte per favorire altre componenti ritenuti, dai grandi, più importanti.

Per questo ho accolto questo albo illustrato con estrema gioia. Abbecedario teatrale. Il gioco del teatro per bambini e ragazzi  di Lucia Giustini e Ariella Abolaffio, è un libro che «invita i bambini a muoversi “dai piedi alla testa”, a camminare “in mezzo a una bufera di neve”, a usare un hula hoop come palcoscenico, a trasformarsi in venditori, urlatori, ballerini, comandanti di una nave. Senza porre freni alla propria fantasia e sperimentando la libertà di essere chi si desidera».

Abbecedario teatrale

Le lettere dell’alfabeto diventano vive, cariche di significato, non solo perché parte del linguaggio, di una parola, ma perché capaci di portarci ad agire. Così A è A come Attenzione e diventa anche un gioco, un’attività indispensabile:

Questa è una parola molto importante;
senza attenzione non si riesce a fare il teatro.
Prova ad allenarti tutti i giorni.
Chiudi gli occhi e cerca di ricordare
di che colore sono i tuoi calzini, la tua maglietta,
o le tue mutande.
Speriamo che tu non ti sia dimenticato
di metterle!

La B ci fa Ballare, mentre la C ci porta a Camminare.

Un libro attivo, coinvolgente, capace anche di farci riflettere sulla E come Emozione (cosa dannatamente difficili le emozioni!), o F come Fiducia, così strana eppure indispensabile.

La mia preferita? P come Panino:

Raccogli da un albero un panino immaginario.
Taglialo a metà e comincia a farcirlo con quello che più ti piace:
prosciutto, formaggio, cioccolato o patatine fritte.
Puoi metterci dentro quello che vuoi, anche mescolare sapori dolci
con sapori salati. Siediti e mangialo piano piano, un morso dopo l’altro,
cercando di assaporare ogni gusto.
Alla fine bevi anche un bicchiere d’acqua molto fresca (immaginario!).

Una bellissima idea per avvicinare bambini, e adulti, al teatro, ma anche per portare l’azione al centro della scena, riuscendo a concretizzare molte parole astratte e a donare immaginazione alle parole che invece siamo soliti considerare concrete.

A volte mi capita di leggere una paura ricorrente sui social: “I bambini non sanno più fare le capriole!”. L’idea che tutti i bambini devono per forza saper fare le capriole mi fa sorridere, lo ammetto. I bambini sono diversi, probabilmente se uno sa fare la capriola l’altro saprà saltare altissimo o fare le ruote o correre fortissimo… Capisco, però, l’allarme: i bambini, non tutti sia chiaro, sembrano sconnessi dal loro corpo. C’è una insistenza diffusa a volerli far ragionare, capire, apprendere: tutto senza usare il corpo. Quel corpo così importante per conoscere il mondo, viene messo da parte per…

Score

Storia
Leggibilità
Illustrazioni
Prezzo

Stimolante

Conclusione : Un albo per tutti, per amare il teatro e anche la lingua italiana.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Dov'è finito il mio nome?

Dov’è finito il mio nome? Un albo personalizzato amato da tutti i bambini

L’idea è talmente semplice da risultare irreale. Eppure la storia dovrebbe averci insegnato da tempo ...

Rocio Bonilla e Oriol Malet, Max e i Supereroi

Max e i Supereroi, di Rocio Bonilla e Oriol Malet

Max e i Supereroi è una incantevole storia di Rocio Bonilla e Oriol Malet: scopri perché ogni bambino dovrebbe leggerla, non solo chi è fan dei Supereroi.