Libri per bambini con difficoltà di linguaggio
Libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Le difficoltà di linguaggio si possono affrontare anche con la lettura a quattro mani. L’ascolto, infatti, può influire in maniera positiva sulla comprensione del corretto suono, del testo e anche sull’autostima!

Scegliere bene i libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Prima di elencare alcuni esempi di libri per bambini con difficoltà di linguaggio che potrebbero aiutare, voglio però ricordare che è indispensabile scegliere testi non necessariamente molto facili, ma corretti da un punto di vista linguistico, con pochi giochi di parole e che non usino il «bambinesco». È bene scegliere libri semplici ma con delle illustrazioni molto belle e capaci di attirare la sua attenzione. I bambini amano i libri sugli animali e ancora di più i libri che raccontano la loro giornata: sembra incredibile ma fare la cacca e la pipì rimangono le storie più affascinanti di sempre!

Ricordiamoci inoltre che, soprattutto in questi casi, la rilettura è indispensabile. Ascoltare più e più volte la favola preferita permette al bambino di memorizzare la storia e i suoni, tanto che, a un certo punto, proverà a pronunciare a sua volta qualche parola.

Leggere lentamente è in assoluto una regola da rispettare, seguita da quella di non distorcere le parole. Dobbiamo dare al bambino il tempo di capire e memorizzare.

Ultimo consiglio: attenzione all’età. Non pensiamo a soluzioni valide per tutti, perché non è così. Problematiche e interessi si diversificano a seconda della fascia d’età, come è giusto che sia. Un bravo logopedista vi saprà indicare le attività corrette per ogni fascia d’età.

4 utili libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Ma torniamo ai libri per bambini con difficoltà di linguaggio: ne abbiamo scelti alcuni per bambini dai 0 ai 3 anni.

Bum, baby, bum bum, di Margaret Mahy e Margaret Chamberlain (Lo stampatello)

Basta il titolo per capire che questo è un libro che scoppietta, capace di produrre suoni e rumori con parole e immagini, perché ricordiamoci che per i bambini il rumore è bello.

Qui non è la bambina a fare rumore, ma la mamma musicista che semplicemente dopo aver preparato il pasto per la piccola riprende a suonare la batteria. Tra un BUM BIDI Bum BIDI e l’altro, la mamma, con gioia e sorriso, si dedica alla sua attività preferita. Ma ecco che dalla finestra entrano una serie di animali, cane, gatto, gallo, mucca, e alla bambina non sembra vero di poter condividere con loro il suo pasto!

Ricco di suoni onomatopeici e tanto fracasso, il libriccino conquista davvero tutti!

A me gli occhi! Cucù chi sono?, di Maria Loretta Giraldo e Nicoletta Bertelle (La Coccinella)

Apparentemente semplice, la serie «Cucù chi sono» che entra di diritto nella collana dei famosi Buchi, è perfetta per quelle prime letture molto stimolanti e giocose che accennavamo all’inizio post. La scrittura in rima assieme al famoso gioco del cucù rendono il momento della lettura un divertimento istruttivo. I bambini imparano a immaginare, grazie ai buchi , ciò che verrà girando pagina, inoltre, le rime aiutano la memorizzazione della parole, soprattutto aiutano il bambino a memorizzare i nomi degli animali.

Il libro delle facce buffe, di Rebecca Elliot (Mondadori)

Simpaticissimo libretto, l’autrice invita i piccoli lettori a imitare suoni versi e facce degli animali disegnati sul libro, e per farlo mette a disposizione uno specchio! Così il ruggito del leone diventa davvero uno spasso!

Le avventure di pesce palla. Sviluppare i prerequisiti linguistici, di Anna Maria Venera (Erickson)

Scritto e ideato proprio per sviluppare i prerequisiti linguistici, Le avventure di pesce palla ha un obiettivo molto preciso ma lo raggiunge con estremo divertimento. Qui abbiamo un pesce palla che vuole diventare un delfino! Ma a un certo punto scompare, i suoi amici Polpo Milleventose, Gina la Tartaruga, Cirillo il Granchio e Regina l’Aragosta decidono di andarlo a cercare…

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Come si chiamano le renne di Babbo Natale

Come si chiamano le renne di Babbo Natale?

Scopri come si chiamano le renne di Babbo Natale e cosa fanno e leggi i libri che raccontano le loro avventure nella notte di Natale.

La leggenda di Babbo Natale

La leggenda di Babbo Natale

Scopri la leggenda di Babbo Natale e leggi come è nata la figura dell'uomo vestito di rosso che la notte di Natale porta i regali ai bimbi.