Home > Approfondimenti > Quando leggere libri ai bambini
Quando leggere libri ai bambini
Quando leggere libri ai bambini

Quando leggere libri ai bambini

Alla domanda «quando leggere libri ai bambini?» la risposta più immediata è: il prima possibile. Sembrerà assurdo, ma la lettura di un libro, quindi la narrazione di una storia o di una filastrocca, grazie al suono della voce di mamma e papà, catturano l’attenzione dei più piccoli fin dai primi mesi di vita.

La lettura ad alta voce di favole, letture piacevoli e dolci, è consigliata fin dalla nascita. Non solo: alcune ricerche hanno confermato recentemente che il piccolo riconosce il suono della voce della mamma fin dalla pancia, e dalla nascita è capace di capire i primi suoni.

Dopo questa rapida premessa appare evidente che non esiste un quando iniziare a leggere ai bambini, ma, casomai, ci dobbiamo preoccupare solamente di un cosa.

Cosa e quando leggere libri ai bambini

Le nostre letture a quattro mani devono essere dolci, rilassanti, senza rumori troppo forti e colpi di scena eccessivamente veloci, altrimenti non li calmiamo ma rischiamo solo di agitarli, e, addirittura, in alcuni casi di spaventarli, che certo non è il nostro obiettivo. Ricordiamoci che oltre a capire i suoni il bambino comprende le primissime parole già a sei mesi: quindi non eccediamo in supereroi, draghi sputa fuoco, e pistole parlanti, almeno non in questa fase.

Se invece, per «quando leggere libri ai bambini?» intendiamo a che ora della giornata, allora il nostro ragionamento è differente. Se sono favole che vogliono calmare e cullare il nostro bambino, è evidente che il momento migliore è quello precedente al sonno della notte, o comunque quando per diversi motivi volete tranquillizzare il piccolo, concedendogli una pausa dai tanti stimoli visivi che lo circondano e coccolandolo quanto basta.

La nostra voce diventa la sua sola attenzione; niente televisione, niente radio o altri stimoli sonori: solo la lettura. Dovremmo cercare di raccontare i singoli personaggi dando loro la giusta intonazione e ritmo vocale. Coinvolgerli animando la narrazione, magari facendo il verso degli animali o imitando alcune caratterizzazioni dei personaggi.

Se riusciamo a farli ridere, inizialmente, per poi ad accompagnarli verso il sonno, abbiamo regalato a entrambi un momento magico, e stiamo sicuramente contribuendo a crescere un futuro lettore, e se ancora avete dubbi: «Quando leggere libri ai bambini?» ORA!

Foto | Pixabay

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l’attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Particolare della copertina del libro «Bum, baby, bum bum»

Libri per bambini con difficoltà di linguaggio

Uno sguardo ad alcuni libri per bambini con difficoltà di linguaggio, con alcuni consigli pratici per come leggere tali testi e farli apprezzare dai più piccoli.

Guia Risari, Gli amici del fiume. Illustrazioni di Giulia Rossi

Intervista doppia a Guia Risari e Giulia Rossi, autrice e illustratrice de «Gli amici del fiume»

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Guia Risari e Giulia Rossi, rispettivamente autrice e illustratrice del libro «Gli amici del fiume» (S. Paolo edizioni – da 10 anni).