Michelle Cuevas, Le avventure di Jacques Papier
Michelle Cuevas, Le avventure di Jacques Papier

Le avventure di Jacques Papier, di Michelle Cuevas

Vi innamorerete di Jacques e della sua creatrice. La sua storia è surreale, divertente, originale, ottimamente scritta. La De Agostini ha fatto decisamente centro con la traduzione di Le avventure di Jacques Papier. Storia vera di un amico immaginario di Michelle Cuevas. Partiamo dalla trama del libro.

Le avventure di Jacques Papier

Michelle Cuevas, Le avventure di Jacques Papier
Michelle Cuevas, Le avventure di Jacques Papier

Jacques ha una sorellina, Fleur, con cui trascorre tutto il suo tempo. Lui ne è felice finché non si rende conto che le attenzioni di tutti vanno sempre e solo a lei. Lui sembra davvero invisibile. Per ripicca decide di trovarsi un amico immaginario con cui trascorrere del tempo. La sua tristezza, però, non ne trae beneficio e la situazione non migliora.

La verità è che questo è quello che vogliono tutti: qualcuno che ci conosca in questo modo, che ci capisca. Non parlo di gusti o di taglio di capelli, ma di qualcuno che veda quel che siamo in realtà. Vogliamo tutti trovare la persona che sa chi siamo, realmente, con tutte le nostre stramberie, e che ci accetta così. Vi è mai successo che qualcuno riuscisse davvero a vedervi? Che sapesse cogliere sul serio la parte più profonda di voi, invisibile al resto del mondo?

Il nostro protagonista ci metterà un po’ a capire, grazie all’incontro con altri bambini e strani personaggi, che il motivo per cui nessuno lo vede, a parte loro, naturalmente, è che Jacques è l’amico immaginario di Fleur. Che fare a quel punto? Restare? Protestare? Dimettersi?

Gli amici immaginari

Il primo passo è spiegare a Fleur la loro complicata relazione, il che, come i lettori possono immaginare, ha delle serie ripercussioni sulla vita della bambina:

«Se Jacques è immaginario» ha detto Fleur «ma non se n’è mai accorto, e adesso invece sì, allora forse sono immaginaria pure io. O tu, mamma. O papà. I vasi, le pentole, il soffitto, il cielo, il tempo, l’erba e tutte le nostre stupide vite!»

La presa di coscienza di Jacques, esilarante di per sé, comporta tutta un’altra raffica di eventi comici, ma non troppo. Infatti questo bellissimo libro oltre che riportarci alla nostra infanzia ci fa ragionare su temi tutt’altro che velleitari: la percezione di sé che hanno i bambini, la relazione dei grandi con la loro immaginazione e con la propria per finire con temi filosofici riguardanti l’identità e la percezione del mondo.

Un libro scritto benissimo

Questo libro è scritto benissimo e altrettanto ben tradotto da Giuseppe Iacobaci. Non mi capitava da tempo di ridere da sola e di ammirare così tanto una scrittrice. La troverete di grande ispirazione se avete avuto un amico immaginario, se avete bambini, se siete scrittori.

Testo a cura di Mariantonietta Barbara

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

La casa delle meraviglie

La casa delle meraviglie: Anna Vivarelli racconta le avventura di una bambina e del suo papà

Leggi La casa delle meraviglie di Anna Vivarelli scopri la vita di Emma e di suo papà e impara a riflettere sui cambiamenti della vita.

Elise e il cane di seconda mano

Bjarne Reuter racconta la storia di Elise e il cane di seconda mano

Leggi la storia di Elise e il cane di seconda mano e scopri la vita di una famiglia che decide di prendere un cane e ne sceglie uno speciale.