Oggi leggiamo fumetti!
Oggi leggiamo fumetti!

Oggi leggiamo fumetti!

Leggere è un divertimento: dobbiamo ricordarcelo noi genitori quando «consigliamo», a volte in maniera davvero insistente, un libro o un altro ai nostri figli. Lasciarli liberi di scegliere significa anche accettare che snobbino l’ultimo incredibile albo, o il bellissimo romanzo, per rintanarsi in camera a leggere Snoopy, Topolino e Lupo Alberto. Un errore? Non credo.

Il fumetto è un altro modo di leggere, sognare e creare. Forse l’adulto oramai troppo cresciuto fatica a riconoscere in quel buffo cane dal naso grosso un traguardo letterario, ma assicuro che se le prime letture comprendono anche divertenti e amati fumetti, i risultati, in termini di apprendimento, sono davvero tanti.

Per cominciare leggono, e leggere fa sempre bene. Non leggono le «cose» giuste? Qui Topolino potrebbe offendersi. Leggere Topolino a sette anni non solo è normale, ma è anche salutare!

Leggere ogni giorno, pagine e pagine di fumetti, permette di imparare parole nuove, a dare l’intonazione alla storia, tanto che alla fine saranno loro a leggere a voi grandi le loro storie preferite.

E quante risate, se vi capita di ascoltarli scoprirete che ridono come matti, tra uno Snoopy che si finge alce e un Paperino sempre sfortunato: «Povero Paperino!». Mostrano emozioni e una particolare empatia verso i protagonisti.

Certo, Lupo Alberto non è proprio una lettura per settenni: io sono diventata rosso porpora il giorno che ho sentito la «strafantola» di casa esclamare: «Ma cosa vai a fare dal pollivendolo, Enrico? Vado a vedere le galline nude!» e via di irresistibili risate. E alla fine, anche la mamma imbarazzata si è lasciata andare in un rassegnato sorriso.

Oramai la casa è invasa di fumetti, e ora anche il quasi treenne, per imitare la sorella, li sfoglia con altrettanto patos e partecipazione: «Snoopy!!!».

In bagno, in camera, in soggiorno, per le scale. Ogni angolo di casa è sommerso dai personaggi preferiti della mia infanzia. Un onore.

E poi, come per magia ecco che la piccola lettrice si prende Gli sporcelli di Roald Dahl e lo inizia, come se leggere romanzi, per bambini ovviamente, fosse la normalità. Lo legge, lo commenta, e, anche se non ci sono tante figure come negli albi o nei fumetti, ne apprezza la storia, e inizia a volere tenere il segno, «altrimenti mi sfugge la storia, mamma».

Leggere, quindi, solo e semplicemente ciò che piace. E questo vale anche per noi adulti.

Foto | Pixabay

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Alla scoperta delle più belle favole russe per bambini

Le più belle favole russe per bambini

Scopriamo insieme le più belle favole russe per bambini che possono essere una splendida alternativa alle tante fiabe che già conoscono.

I più bei libri consigliati per bambini e ragazzi

10 libri consigliati per bambini e ragazzi (c’è vita oltre Il piccolo principe)

Scopri i libri consigliati per bambini e anche per ragazzi per invogliarli alla lettura e per esortarli a vivere le mille storie presenti tra le pagine.