Maite Carranza, Come in un film, traduzione di Francesco Ferrucci, Il Castoro
Maite Carranza, Come in un film

Come in un film, di Maite Carranza

Capita. Succede di perdere tutto, di non avere la forza di reagire e nemmeno i soldi per pagare le bollette. Capita. E quando succede è necessario, assolutamente necessario, riuscire ad allungare una mano e chiedere aiuto, altrimenti si affonda.

Lo sa bene Olivia, la giovane protagonista di Come in un film, romanzo di Maite Carranza, il Castoro editore, prima selezione per il Premio Strega Ragazzi e Ragazze categoria +11.

Come in un film

Maite Carranza, Come in un film, traduzione di Francesco Ferrucci, Il Castoro
Maite Carranza, Come in un film, traduzione di Francesco Ferrucci, Il Castoro

Olivia ha tredici anni e sta vivendo un dramma difficile da affrontare a qualunque età. Sua mamma, donna forte e determinata e single, ha perso il lavoro.

Era un’attrice e l’hanno uccisa, nel senso che il personaggio che interpretava alla televisione è morto all’improvviso, crivellato di colpi da arma da fuoco. Hanno cancellato il suo personaggio e il suo cuore, il suo cuore si è spezzato, e con esso il desiderio di vivere.

Ma Olivia non è preoccupata per sé, per la scuola che chiama per le rette non saldate, per la luce e il gas staccati improvvisamente, per il frigo vuoto, la casa pignolata, lo sfratto. No, Olivia è preoccupata per suo fratello Tim, perché a sette anni si è piccoli, più piccoli di tredici, e se la mamma non riesce a reagire, Olivia non vuole che Tim perda la fiducia e il sorriso: così il piano prende forma. Caro Tim non ti preoccupare è solo un film, una sorta di reality, è tutto finto e tu sei un attore fantastico.

Ieri è venuta un’assistente sociale di nome Marr, e mamma, che non parlava da due giorni, ha aperto la bocca per dire che non ci serviva, ma lei ha fatto finta di niente e non se n’è andata. Si è seduta sul pavimento, con le gambe incrociate come un insegnante di yoga, ha tirato fuori un quaderno e ha cominciato a fare domande a mamma. Le ha chiesto quanti soldi aveva in banca e quanti ne entravano ogni mese a casa nostra, E mamma, molto bruscamente, le ha risposto che non aveva niente di niente, che era al verde e che in casa non entrava nemmeno un centesimo da più di venti giorni.

Andare oltre

Capita, scrivevo, capita di perdere tutto. Succede anche alle persone più rispettabili, le più colte e forti. E quando accade non ci si sente più forti e pronti a sostenere ogni sfida, no, quando capita a volte ci si lascia andare. Ma per fortuna nella vita di Olivia e di sua mamma qualcuno era pronto a prenderle al volo.

Un romanzo estremamente dolce, per l’affetto familiare che riesce a trasmettere. Ma un testo capace anche di farci riflettere su questo particolare periodo storico, su storie lette di sfuggita, finali tragici, momenti drammatici che forse non riguardano noi direttamente ma che ci hanno sfiorato e abbiamo preferito non guardare. Andare oltre per non farci coinvolgere. Maite Carranza ci invita a immergerci in queste storie, a conoscerle e capirle fino in fondo, a scoprire i loro protagonisti, a specchiarci in essi. Perché un giorno potremmo avere anche noi bisogno di quella mano, di quell’aiuto.

I poveri non esistono. Sono una brutta cosa.

Ne siamo certi?

Capita. Succede di perdere tutto, di non avere la forza di reagire e nemmeno i soldi per pagare le bollette. Capita. E quando succede è necessario, assolutamente necessario, riuscire ad allungare una mano e chiedere aiuto, altrimenti si affonda. Lo sa bene Olivia, la giovane protagonista di Come in un film, romanzo di Maite Carranza, il Castoro editore, prima selezione per il Premio Strega Ragazzi e Ragazze categoria +11. Come in un film Maite Carranza, Come in un film, traduzione di Francesco Ferrucci, Il Castoro Olivia ha tredici anni e sta vivendo un dramma difficile da affrontare a qualunque età.…

Score

Leggibilità
Storia
Prezzo

Profondo

Conclusione : Un bellissimo romanzo, profondo ma mai pesante, capace di narrare la povertà senza renderla lontana, irreale ma come un fatto che è da sempre accanto a noi, sempre possibile. Siamo noi che non ci accorgiamo di nulla.

Voto Utenti : 4.75 ( 1 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Davide Morosinotto, Voi

Voi, di Davide Morosinotto

Voi è un romanzo di Davide Morosinotto ricco di insegnamenti e anche di avventura, ricco di umanità, quella bella, ma anche di paure.

Anna Fogarolo, Il furto dell'identità digitale, illustrazioni di Irene Coletto, Erickson

Il furto dell’identità digitale, di Anna Fogarolo

Leggi il libro Il furto dell'identità digitale di Anna Fogarolo, risolvi i giochi e scopri perché è importante proteggere la propria identità in rete.