Home > Libri > L’età dei sogni, di Annelise Heurtier
Annelise Heurtier, L’età dei sogni, traduzione di Ilaria Piperno, Gallucci
Annelise Heurtier, L’età dei sogni, traduzione di Ilaria Piperno, Gallucci

L’età dei sogni, di Annelise Heurtier

63 anni non sono molti, soprattutto oggi vista l’elevata aspettativa di vita di cui ci vantiamo. Eppure 63 anni fa i ragazzi afroamericani non potevano frequentare le scuole dei ragazzi bianchi, americani. Non potevano sedersi accanto a loro, usare i loro bagni e nei negozi venivano serviti sempre dopo i bianchi.

La lista è lunga, ma ha un nome corto: segregazione razziale. Una vergogna assoluta, eppure una scelta talmente sostenuta da venire ritenuta normale, e chi si ribellava, offrendo semplicemente un sorriso o un abbraccio, rischiava a sua volta la vita, anche se bianco.

L’età dei sogni

Annelise Heurtier, L’età dei sogni, traduzione di Ilaria Piperno, Gallucci
Annelise Heurtier, L’età dei sogni, traduzione di Ilaria Piperno, Gallucci

L’età dei sogni di Annelise Heurtier, Gallucci editore, finalista del Premio Strega Ragazzi e Ragazze 2020, categoria 11+, ci racconta un fatto realmente accaduto: l’abolizione della segregazione razziale imposta nel 1957 dalla Corte suprema degli Stati Uniti, e la conseguente ammissione di nove ragazzi afroamericani nel liceo di Little Rock in Arkansas.

Nove ragazzi e ragazze, tra i 14 e i 17 anni, nove meritevoli per comportamento e successi scolastici, nel 1957 hanno finalmente il diritto di frequentare il prestigioso liceo poiché la segregazione razziale nelle scuole pubbliche è stata riconosciuta come incostituzionale.

Ma non basta una sentenza per cambiare il mondo. Certo aiuta, è un primo passo, ma, purtroppo, non è sufficiente a modificare i comportamenti, le convinzioni radicate, le certezze di chi si sente diverso, migliore, e sostiene il principio “separati ma uguali” perché ritiene che i neri siano inferiori dei bianchi. Non basta una nuova regola, ma a volte una goccia può iniziare un grande cambiamento.

Le storie di Molly e Grace

Il romanzo ci racconta in particolare la vicenda attraverso gli occhi di due ragazze.

Molly, afroamericana, tra i nove prescelti, vittima di una serie di cattiverie assurde, ostacolata in tutti i modi dai cittadini, dai genitori, dai compagni di classe. Molly, che non capisce perché le viene versata addosso tanta incomprensibile cattiveria, non capisce perché queste persone non la vogliono all’interno del “loro” liceo.

E Grace, ragazza bianca, reginetta del ballo, apparentemente attenta solo al trucco e ai vestiti, annoiata da tanto rumore, inizialmente infastidita dall’accanimento dimostrato verso persone che tutto sommato non conosce: come puoi odiare chi non conosci?

Era stata sempre curiosa di vedere l’interno del liceo, ma adesso non aveva né il tempo né la voglia di ammirare nulla. Da quando erano usciti dall’automobile, tutto era avvenuto in modo disordinato, precipitoso. Niente a che vedere con quanto si era immaginata. Molly seguì il gruppo lungo il corridoio in marmo. Su di loro si abbatterono sguardi meravigliati e insulti.
«Che puzza!»
«Fuori i negri!»
«Merda, non lascerete entrare qui questi procioni?»
Molly non era affatto stupita. Sapeva bene che la maggior parte dei bianchi on era favorevole all’integrazione. Ma pensava che i giovani avessero uno spirito più aperto, più… civile.

Una vicenda forte

La paura del Ku Klux Klan è sempre nello sfondo, interviene l’esercito, non tutti i nove riusciranno a reggere la tensione, alcuni di loro reagiranno agli insulti, e verranno espulsi, altri finiranno in coma, perché aggrediti brutalmente.

Una storia vera che fa accapponare la pelle, che riesce a darci un minimo di speranza grazie all’intelligenza di alcuni giovani menti, ma che personalmente fatico ad accettare, ieri come oggi.

I libri delle cinquine finaliste del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2020

Su Libri e bambini trovi le recensioni dei libri delle due cinquine del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2020.

Categoria +6

  • Daniela Carucci, Ruggiti, illustrazioni di Giulia Torelli, Sinnos
  • Susie Morgenstern, Vuoi essere mia amica?, illustrazioni di Claude K. Dubois, traduzione di Maria Bastanzetti, Babalibri
  • Marta Palazzesi, Nebbia, Il Castoro
  • Guido Quarzo, Anna Vivarelli, La danza delle rane, illustrazioni di Silvia Mauri, Editoriale Scienza

Categoria +11

63 anni non sono molti, soprattutto oggi vista l’elevata aspettativa di vita di cui ci vantiamo. Eppure 63 anni fa i ragazzi afroamericani non potevano frequentare le scuole dei ragazzi bianchi, americani. Non potevano sedersi accanto a loro, usare i loro bagni e nei negozi venivano serviti sempre dopo i bianchi. La lista è lunga, ma ha un nome corto: segregazione razziale. Una vergogna assoluta, eppure una scelta talmente sostenuta da venire ritenuta normale, e chi si ribellava, offrendo semplicemente un sorriso o un abbraccio, rischiava a sua volta la vita, anche se bianco. L'età dei sogni Annelise Heurtier, L’età…

Score

Leggibilità
Storia
Prezzo

Una storia vera, da conoscere

Conclusione : A volte basta un sorriso per cambiare il mondo? Probabilmente no, ma è comunque un inizio, e ogni storia ha sempre bisogno di un inizio. Questa storia è una degli inizi che preferisco.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Susie Morgenstern, Vuoi essere mia amica?, illustrazioni di Claude K. Dubois, traduzione di Maria Bastanzetti, Babalibri

Vuoi essere mia amica? di Susie Morgenstern

Vuoi essere mia amica? Se anche tu hai questo domanda e cerchi risposte, allora il bel racconto illustrato di Susie Morgenster è quello che devi leggere.

Jan Paul Schutten e Kees de Boer, I nonni migliori del mondo

I nonni migliori del mondo, di Jan Paul Schutten e Kees de Boer

Scopri chi sono i nonni migliori del mondo e leggi il bel libro di Jan Paul Schutten e Kees de Boer che narrano le vicende di nonni molto particolari.