Gol alle porte del Sahara
Gol alle porte del Sahara

Gol alle porte del Sahara, di Teresa Capezzuto

Il calcio, si sa, è uno degli sport più amati, da tutti non solo dai bambini. E anche se oggi ci può sembrare strana l’idea di giocare assieme in un prato, a causa del coronavirus, sono certa che torneremo presto a correre dietro a un pallone, urlare goal a squarcia gola e a divertirci insieme.

Ma il calcio, esattamente come ogni sport, è anche un’occasione per conoscere, viaggiare, capire e imparare. Così Teresa Capezzuto ci presenta Gol alle porte del Sahara, una storia originale, ricca di attività e giochi, ma soprattutto capace di scatenare la curiosità di ogni lettore.

Gol alle porte del Sahara

Gol alle porte del Sahara
Gol alle porte del Sahara

Ribigeir ama giocare a calcio, ed è anche bravo. Correndo, rimbalzando, saltando assieme alla sua amica, la palla Lalla, arriva alle porte del Sahara, un luogo misterioso, ma dove grandi, bambini, e anche gli animali… amano il calcio esattamente come lui!

Così insieme a Lalla, Ribigeir incontrerà nuovi amici, nuovi sapori e luoghi. Scoprirà che la sabbia può essere davvero tanta, e che i dromedari possono chiamarsi Dario ed essere eccezionali giocatori. Parlano francese ma sono così accoglienti che per l’occasione si fanno capire anche in italiano.

Ribigeir è talmente bravo che viene scelto come allenatore di calcio per guidare una giovane, e stramba, squadra verso la vittoria di un prestigioso torneo internazionale.

Con una nuova divisa, tanto entusiasmo e soprattutto una grande amicizia, Ribigeir alle porte del Sahara si ritrova a fare ciò che ama di più: giocare a calcio e divertirsi con i suoi nuovi amici.

Alcuni giochi presenti nel libro Gol alle porte del Sahara
Alcuni giochi presenti nel libro Gol alle porte del Sahara

Originale e divertente, Gol alle porte del Sahara può appassionare anche i lettori più pigri, quelli che magari preferiscono correre in giardino invece di leggere, perché presenta una storia ricca di avvenimenti e tantissimi giochi e esercizi per imparare divertendosi.

Il calcio, si sa, è uno degli sport più amati, da tutti non solo dai bambini. E anche se oggi ci può sembrare strana l’idea di giocare assieme in un prato, a causa del coronavirus, sono certa che torneremo presto a correre dietro a un pallone, urlare goal a squarcia gola e a divertirci insieme. Ma il calcio, esattamente come ogni sport, è anche un'occasione per conoscere, viaggiare, capire e imparare. Così Teresa Capezzuto ci presenta Gol alle porte del Sahara, una storia originale, ricca di attività e giochi, ma soprattutto capace di scatenare la curiosità di ogni lettore. Gol…

Score

Storia
Leggibilità
Illustrazioni
Prezzo

Originale

Conclusione : Correre dietro a un pallone è una passione comune, ma Teresa Capezzuto riesce a creare una storia che può andare oltre al piacere dello sport: può insegnare anche le culture e l’amicizia.

Voto Utenti : 2.68 ( 2 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

L'accademia del bene e del male

L’accademia del bene e del male, una bella storia che però sa già di visto

Scopri la serie L'accademia del bene e del male scritta da Soman Chainani che sebbene parta da una buona idea poi si perde nella storia.

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Scopri la Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà in cui Luis Sepúlveda narra la storia del cane Aufman fedele ai mapuche.