Gli Inadottabili
Hannah Tooke, Gli Inadottabili

Gli Inadottabili, i geniali personaggi di Hannah Tooke

I bambini grandi sono difficili da far adottare. Purtroppo questa frase viene ripetuta spesso, anche oggi nel 2020. I bambini grandi hanno un passato doloroso che non possono e non vogliono dimenticare: i rifiuti, gli allontanamenti, quella sensazione di non andare mai bene in nessun luogo.

Queste poche righe introducono il romanzo per ragazzi Gli Inadottabili di Hannah Tooke, una storia ricca di colpi di scienza ma anche densa di emozioni. Perché essere inadottabili è una condizione davvero difficile da accettare, oggi come nel 1892…

Gli Inadottabili

Gli Inadottabili
Hannah Tooke, Gli Inadottabili

Il romanzo è ambientato nella Amsterdam di fine ‘800, in un orfanotrofio che davvero ha poco di invidiabile. Un luogo dove i bambini vengono abbandonati, costruito su regole e finzione. A quell’epoca di bambini abbandonati, purtroppo, ce n’erano davvero molti, vuoi per povertà (una bocca in più da sfamare non era affatto semplice) o per un imprevisto. Una donna sola con un figlio era considerato uno scandalo! Sta di fatto che l’orfanotrofio gestito dalla signora Gassbeek, una strega ben descritta e insopportabile, era stracolmo di bambini.

Di questi, cinque attirano da subito la nostra attenzione: Milou, Dita, Oval, Finny e Sem. Cinque bambini abbandonati sulla soglia dell’orfanotrofio senza rispettare le regole della signora Gassbeek, e per questo subito etichettati come ulteriormente indesiderati. Bambini che crescendo si sono rivelati un po’ strani, anche se io preferisco definirli geniali. Artisti, inventori, sognatori, questi bambini non hanno nulla da invidiare al mondo, tranne una famiglia. Forse è proprio il loro essere così diversi, o forse il destino, sta di fatto che questi bambini non vengono mai adottati… e si ritrovano a crescere nel grigio orfanotrofio per molto più tempo degli altri “ospiti”.

Un giorno, un signore davvero sinistro si presenta alla porta dell’orfanotrofio per annunciare che con sua estrema bontà ha deciso di prenderli con sé, tutti e cinque. Ma, in poco tempo i nostri scoprono il suo vero piano e scappano.

Ma dove potranno mai andare cinque orfani senza casa, senza soldi e senza futuro?

Mai sottovalutare l’ingegno dei bambini, i loro sogni e le loro speranze, perché basta un indizio nascosto, un foglietto, mezza frase per scatenare la loro fantasia e il desiderio di farcela, di vivere, possibilmente lontani dall’orfanotrofio.

Milou, la protagonista, e la casa abbandonata

Protagonista della storia è Milou, una bambina definita selvaggia, estremamente intelligente, coraggiosa e convinta che la sua famiglia non l’ha semplicemente abbandonata perché non la voleva più, ma che, a causa di un contrattempo, non sono più riusciti ad andare a riprenderla. Come spiegare altrimenti gli indizi che i suoi genitori hanno inserito nella culla dove l’hanno abbandonata? Come spiegare i segni, il pupazzo, la frase…? Se non la volevano più, perché lei ha ritrovato la casa dove abitavano?

La casa è abbandonata, ma dato che chi ci abitava ha, evidentemente, avuto un altro, contrattempo se prepariamo una “Fiera degli incubi” con pupazzi a figura intera, congegni meccanici, tubi acustici e luci elettriche, e lo pubblicizziamo in tutta Amsterdam, loro capiranno e sicuramente verranno a riprendere Milou, giusto?

Ma, cinque bambini da soli in una casa abbandonata? Attireranno di sicuro l’attenzione!

No, se i cinque costruiscono un finto papà che saluta gli abitanti del luogo dalla finestra. E no se raccontano che è tornato con ben cinque figli e ha deciso di riaprire il teatro…

Geniali, vero?

La famiglia, quella vera

Una storia davvero coinvolgente, ricca di avvenimenti, capace di far riflettere sull’importanza della famiglia, anche se a volte sbagliamo a definire famiglia chi non è presente e per nostra fortuna può venire abilmente sostituita da chi ci ama davvero.

I bambini grandi sono difficili da far adottare. Purtroppo questa frase viene ripetuta spesso, anche oggi nel 2020. I bambini grandi hanno un passato doloroso che non possono e non vogliono dimenticare: i rifiuti, gli allontanamenti, quella sensazione di non andare mai bene in nessun luogo. Queste poche righe introducono il romanzo per ragazzi Gli Inadottabili di Hannah Tooke, una storia ricca di colpi di scienza ma anche densa di emozioni. Perché essere inadottabili è una condizione davvero difficile da accettare, oggi come nel 1892… Gli Inadottabili Hannah Tooke, Gli Inadottabili Il romanzo è ambientato nella Amsterdam di fine ‘800,…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Geniale

Conclusione : Una lettura appassionante, dalla parte dei bambini geniali, quelli che non si abbattono mai ma sanno trovare sempre e comunque una soluzione, nonostante le evidenti mancanze degli adulti.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Noi umani

Noi umani. Storie, meraviglie e invenzioni delle antiche civiltà

Scopri l'albo Noi umani in cui Jonny Marx e Charlie Davis raccontano brillantemente storie, meraviglie e invenzioni delle antiche civiltà.

Poldino

Poldino, il polpo che aiuta a conoscere i propri talenti

Poldino è un bell'albo di Chiara Sorrentino illustrata da Beatrice Bencivenni che invita i più piccoli a scoprire i propri talenti.