Mirabella
Mirabella. A caccia di guai

Mirabella. A caccia di guai: Harriet Muncaster racconta una storia perfetta

Spesso i bambini sono a caccia di storie. Da un dettaglio riescono a creare trame complicatissime, incredibili avventure e scenari mozzafiato.

Ma, altrettanto spesso, faticano a sviluppare il piacere di leggere. Vuoi perché sono un po’ pigri, vuoi perché non trovano la storia giusta, il genere, l’argomento… Nel turbinio delle loro alte aspettative noi genitori procediamo per tentativi: si prova una tipologia di libro e si aspetta, per capire se interessa o meno. Qui in casa è sempre un momento da fiato sospeso, se li vedo concentrati a leggere significa che ci abbiamo azzeccato, se trovo il libro abbandonato in un angolo… si passa al secondo tentativo.

Non è per nulla facile, e se devo dirla tutta spesso è frustrante. Suggerisci romanzi per te semplicemente stupendi e te li ritrovi tra la spada e il pupazzo di turno dimenticati, poi, disperata, fai l’ennesimo tentativo con un libro che a vederlo non ci avresti dato molto e te li ritrovi a leggere anche mentre camminano o mentre fanno il bagno.

Non è facile, ma non dobbiamo mollare. Mai!

Mirabella

Mirabella
Mirabella. A caccia di guai

Tuttavia se vi piace vincere facile, oggi vi propongo un libro divertente che saprà coinvolgere i piccoli lettori a suon di magia, draghi e monellerie… Mirabella. A caccia di guai di Harriet Muncaster (DeAgostini) è un agile libro, perfetto per stimolare le prime letture. Vivace, colorato, “parente” della famosa serie dedicata a Isadora Moon: Mirabella è infatti sua cugina, ma non è metà fata, metà vampiro… è per metà strega e per metà fata. Monella in primis.

Mirabella deve andare a una festa di fate, e anche sua mamma strega le ribadisce con estrema serietà che si deve comportare bene, non combinare guai e comportarsi da fata, una volta tanto… Ma a Mirabella i guai vengono naturali, un po’ come respirare. Tanto che durante la festa riesce a far apparire dei draghi: avete capito bene, dei draghi!!!

Mirabella è unica perché è speciale. La mamma è una strega, il papà un folletto e il fratello Silvano un maghetto. Lei è un po’ di tutti e tre! Mirabella adora lanciare incantesimi stregati al chiaro di luna, ma le piacciono anche la natura e la magia delle fate. Non sa mai quando essere una graziosa fatina oppure una streghetta ribelle. Il risultato? I pasticci per lei non finiscono mai… Proprio come alla Festa delle fate dove, nonostante le raccomandazioni paterne, proprio non riesce a mettere da parte la sua monelleria streghesca e i guai non si fanno di certo attendere… Si salvi chi può: con Mirabella, Isadora e i loro amici il divertimento è assicurato.

Un libro consigliato

Frizzante, divertente, dalla parte dei bambini, capace di unire al divertimento un po’ di insegnamento mammesco, che male non fa, insegna sotto le spoglie di magnifica favola per bambini.

La scrittura è veloce e ritmata, adatta ai più giovani, l’intraprendenza della protagonista appassiona fin dalle prime pagine, e il fratellino un po’ brontolone appartiene sicuramente a molte famiglie. Anche se qui troviamo streghe, fate e vampiri si ha l’impressione di leggere una storia attuale, di tutti i giorni, di tutti noi.

Spesso i bambini sono a caccia di storie. Da un dettaglio riescono a creare trame complicatissime, incredibili avventure e scenari mozzafiato. Ma, altrettanto spesso, faticano a sviluppare il piacere di leggere. Vuoi perché sono un po’ pigri, vuoi perché non trovano la storia giusta, il genere, l’argomento… Nel turbinio delle loro alte aspettative noi genitori procediamo per tentativi: si prova una tipologia di libro e si aspetta, per capire se interessa o meno. Qui in casa è sempre un momento da fiato sospeso, se li vedo concentrati a leggere significa che ci abbiamo azzeccato, se trovo il libro abbandonato in…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Consigliato

Conclusione : Una nuova eroina è pronta a conquistare il cuore dei giovani lettori: Mirabella cugina di Isadora non potrà che soddisfare ogni aspettativa.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Pieno vuoto

Pieno vuoto: Cristina Bellemo e Liuna Virardi ci fanno riflettere sulla diversità

Con Pieno Vuoto Cristina Bellemo e Liuna Virardi scrivono un testo che insegna ai più piccoli ad apprezzare la ricchezza della diversità.

Pinguino

Pinguino: l’arte di litigare secondo Polly Dunbar

Leggi l'albo Pinguino di Polly Dunbar e scopri come gestire bene i litigi tra i più piccoli e valorizzarli come momento di crescrita.