Sam e Pen
Illustrazione di Valentina Malgarise dal libro Sam e Pen di Lorenza Farina

Sam e Pen: Lorenza Farina racconta il rapporto dei bambini con la malattia

Raccontare la malattia ai bambini è uno dei grandi drammi di chi l’ha vissuta: spiegare cosa è successo, cosa accadrà, o cosa potrebbe accadere. Dare un significato alle emozioni degli adulti, ma, contemporaneamente rispettare e accogliere anche le risposte emotive dei bambini.

La malattia è un evento difficile da affrontare: è inaspettato, ignoto a chi la sta vivendo e ai suoi familiari, comporta un’analisi e una ricerca nuova, un’accettazione, e una dose di speranza talmente forte che non tutti riescono a trattenere. Altri, si lasciano andare al pessimismo, alla paura, al terrore.

In Sam e Pen Lorenza Farina riesce a raccontare una storia apparentemente leggera, una storia di tanti bambini, ma sfogliando le pagine diventa sempre più densa e vera, capace di creare empatia e di dare una consistenza anche alle emozioni più strane. Le illustrazioni di Valentina Malgarise aggiungono al racconto dettagli e sensazioni, come a voler fermare nel tempo momenti irripetibili.

Sam e Pen

Sam e Pen
Lorenza Farina, Sam e Pen, illustrazioni di Valentina Malgarise

Sam e Pen sono due fratelli di otto e sei anni: giocano, corrono, sono felici. Amano giocare con l’acqua e in particolare Sam ama l’estate proprio perché finalmente può tuffarsi vicino al Mulino Abbandonato. Sam e Pen hanno una sola grande, grandissima paura: il Succhiasangue. All’inizio della loro storia il lettore non capisce chi sia e cosa fa il Succhiasangue, sa solo che è davvero spaventoso.

Così Sam si tuffa e sembra volare nel cielo e poi giù verso l’acqua profonda, e mi pare di sentire i bambini trattenere il fiato mentre si immaginano questa azione così coraggiosa!

Ma un giorno il Succhiasangue si riaffaccia sulla loro vita… la malattia di Sam non è affatto semplice, non può passare con un cerotto, ha bisogno di tempo e dottori, di pazienza.

Il Succhiasangue apparve senza preavviso un giorno di luglio, pieno d’afa e di tafani fastidiosi che pungevano la pelle dei due fratelli. Forse Sam si era dimenticato di chiudere bene la bocca quella notte. Forse aveva dormito con la finestra aperta e quello si era infilato nella sua stanza come un ladro. Il Succhiasangue divorò in un attimo i suoi globuli rossi, lasciandolo senza forze e terreo in volto.

– Devo andare in ospedale per sconfiggere il Succhiasangue – le rivelò Sam una mattina, alzandosi dal letto con un’espressione triste negli occhi. – Tu mi aspetterai, non è vero, Pen?

Così Pen aspetta, sola, senza capire esattamente cosa sta accadendo al suo amato fratello. E un giorno decide di essere coraggiosa esattamente come lui… il tuffo la sta aspettando.

Una storia che fa riflettere

Ovviamente la storia non finisce così. Per tranquillizzavi aggiungo che a Pen non accade nulla, se non scoprire che a volte piangere aiuta ad affrontare la realtà. Una bella storia, colma di realismo e di sogno, capace di farci riflettere, noi adulti, sull’importanza di spiegare la malattia anche ai bambini, non è facile trovare le parole giuste, ma Lorenza Farina ci insegna che è necessario. E di far riflettere i bambini su un argomento troppo spesso evitato, scomodo.

Raccontare la malattia ai bambini è uno dei grandi drammi di chi l’ha vissuta: spiegare cosa è successo, cosa accadrà, o cosa potrebbe accadere. Dare un significato alle emozioni degli adulti, ma, contemporaneamente rispettare e accogliere anche le risposte emotive dei bambini. La malattia è un evento difficile da affrontare: è inaspettato, ignoto a chi la sta vivendo e ai suoi familiari, comporta un’analisi e una ricerca nuova, un’accettazione, e una dose di speranza talmente forte che non tutti riescono a trattenere. Altri, si lasciano andare al pessimismo, alla paura, al terrore. In Sam e Pen Lorenza Farina riesce a…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Per riflettere

Conclusione : Un albo dolce e apparentemente onirico capace di raccontare la malattia in maniera nuova, rispettosa nei confronti dei bambini.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Il cercatore di asparagi

Il cercatore di asparagi: Alessandro Petruccelli racconta una storia di ieri per i ragazzi di oggi

Leggi Il cercatore di asparagi racconto di Alessandro Petruccelli ambientato in un tempo lontano ma che ha da dire anche ai ragazzi di oggi.

Dov'è mia sorella?

Dov’è mia sorella? Un’altra bella storia di Sven Nordqvist

Scopri l'albo illustrato Dov'è mia sorella? scritto da Sven Nordqvist e lasciati rapire dalla bellezza della storia e delle illustrazioni.