Fuga in punta di piedi

Fuga in punta di piedi: divertentissima storia di Daniela Palumbo

Avete mai perso una scarpa? Lo so che state sorridendo, ma assicuro che è un fatto ricorrente. E se ancora non vi è mai capitato allora siete davvero fortunati. Perché perdere una scarpa è normale, quasi come respirare, e ritrovarla quando oramai ci siamo rassegnati è una realtà comune, anche se fastidiosa.

Da questo fatto, assolutamente vero e certificato, ovvero perdere una scarpa, Daniela Palumbo ha creato una storia davvero molto simpatica. Una storia che assieme alle illustrazioni di Francesca Carabelli ha tutte le carte in regole per scatenare risate in ogni angolo del paese.

Ma prima di continuare, ci riprovo: siete davvero sicuri, sicuri, di non aver mai perso una scarpa, una sola scarpa, in vita vostra?

Se vi ostinate a rispondere di no, sinceramente mi dispiace, perché perdere una scarpa regala da sempre avventure degne di nota..

Fuga in punta di piedi

Fuga in punta di piedi
Daniela Palumbo, Fuga in punta di piedi

Protagonisti di questa storia sono Adele e Alfio, coppia abitudinaria, noiosetta secondo alcuni, semplicemente tranquilli li definirebbero altri. I due sono soliti trascorrere le vacanze dal 30 luglio al 30 agosto in montagna. Ma questa volta qualcosa va storto: Adele perde una scarpa, e per ritrovarla lei e Alfio perdono anche il treno!

Per il treno pazienza, prima o poi lo ritroveranno, alla fine corre sempre sui binari, ma la scarpa? Potrebbe essere fuggita…

Le ricerche di Adele e Alfio

Inizia così Fuga in punta di piedi, storia davvero surreale alla ricerca di una scarpa in fuga (dalla noia o per amore ancora non lo sappiamo) e di Adele e Alfio alla sua disperata ricerca dalla Chiesa (luogo tranquillo,  perfetto per una scarpa in fuga) alla discoteca (uogo agitato, perfetto per una scarpa in fuga…). Certo è che Adele e Alfio non hanno le idee molto chiare, ma a un certo punto conoscono tantissimi nuovi personaggi, capaci in pochi giorni di stravolgere la loro tranquilla vita.

C’è Aristide, il figlio della signora delle pulizie che da anni durante il mese estivo si trasferisce a casa di Adele e Alfio per controllare la situazione; solo che Aristide è cresciuto, capita!, e oggi continua a controllare la casa ma ama anche organizzare cene e feste, rumorose e divertentissime, e ama far innamorare gli amici, conoscere nuove persone e conciliare un po’ tutti.

Fuga in punta di piedi: una storia scoppiettante

Fuga in punta di piedi

Scoppiettante, ironica, divertente, Fuga in punta di piedi (Sinnos edizioni), è una spassosa graphic novel per bambini. Avventurosa e contorta al punto giusto, colma di sarcasmo e battute, capace di catturare per ritmo e disegno, di portare il lettore in ogni luogo, esplorarlo e conoscerlo, tanto che alla fine… si ritroverà a cercare la scarpa perduta tra i tanti disegni!

Avete mai perso una scarpa? Lo so che state sorridendo, ma assicuro che è un fatto ricorrente. E se ancora non vi è mai capitato allora siete davvero fortunati. Perché perdere una scarpa è normale, quasi come respirare, e ritrovarla quando oramai ci siamo rassegnati è una realtà comune, anche se fastidiosa. Da questo fatto, assolutamente vero e certificato, ovvero perdere una scarpa, Daniela Palumbo ha creato una storia davvero molto simpatica. Una storia che assieme alle illustrazioni di Francesca Carabelli ha tutte le carte in regole per scatenare risate in ogni angolo del paese. Ma prima di continuare, ci…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Scoppiettante

Conclusione : Divertente, coinvolgente, avventuroso (a modo suo): perfetto per chi ama leggere e contemporaneamente conoscere protagonisti e luoghi delle avventure, e per chi, di tanto in tanto, perde una scarpa…

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso: Federico Moccia racconta le sfide del web

Leggi Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso e scopri come Federico Moccia racconta il mondo del web a ragazze e ragazzi.

I grandi capolavori dell'opera

Conosciamo i grandi capolavori dell’opera

Sfoglia l'albo I grandi capolavori dell'opera e scopri tante curiosità su questa forma d'arte grazie a Serenella Quarello e Fabiana Bocchi.