Gli omini dei tetti nella città della luce

Gli omini dei tetti nella città della luce: un libro che trasmette gioia

Un libro è molto più di un libro. È un progetto che coinvolge più anime e più intenti. Un coro dedicato alla fantasia e alla parola, all’immagine. Così quando incontro libri che sottolineano quasi prepotentemente questa mia idea sorrido compiaciuta: ecco, questo è un progetto! Pensato, studiato, strutturato e voluto.

Gli omini dei tetti nella città della luce

Tale sensazione di completezza mi è arrivata sfogliando Gli omini dei tetti nella città della luce di Marialuigia Campolongo con illustrazioni di Margherita Mari, edito da Le Pecore Nere. Perché Gli omini dei tetti nella città della luce non lo si può definire semplicemente un libro. Certo ha un tot numero di pagine, cartonate, e ha anche diverse illustrazioni e molte rime, ma l’armonia che accompagna il lettore dalla prima all’ultima pagina è un qualcosa che non possiamo attribuire al caso: è voluto.

Un progetto diverso, complesso, non facile da realizzare. Il volume racchiude tantissima felicità e allegria e riuscire a trasmetterla con parole e immagini non dev’essere stato semplice. Ma andiamo con ordine.

Gli omini dei tetti nella città della luce

La storia è gioiosa. Nella città della luce tutti sono felici e innamorati: ballano sui tetti, in strada c’è musica, gli innamorati sospirano, i topi corrono e anche i gatti dimostrano felicità.

Una danza alla vita, un’allegria contagiosa. Ma sono le parole così abilmente strutturate e scelte nelle rime proposte a rendere questo luogo magico e unico.

Ma tutti gli umani, volevo dire…
E il signor vigile? È andato a dormire⁈
Non solo i topi lì fanno baldoria!
C’è qualcun altro che canta vittoria…
Dato che il gatto, che s’è innamorato,
di fronte alla luna s’è addormentato,
c’è un altro topo, ma d’appartamento…
Che al vigile ha dato un appuntamento!

Le illustrazioni si dividono: tra le rime un tratto nero sicuro che incornicia senza alcun timore i versi della storia illustrando suggestioni e pensieri, ma in alcune pagine troviamo dei quadri colorati, isolati eppure calati nel contesto del racconto, come a voler sottolineare emozioni o a cambiare totalmente direzione.

Un libro, un viaggio, un progetto. Un inno alla fantasia e alla libertà, spensierato, libero e sognatore, impossibile resistere alla danza proposta, impossibile assistere fermi a questa festa.

Un libro è molto più di un libro. È un progetto che coinvolge più anime e più intenti. Un coro dedicato alla fantasia e alla parola, all’immagine. Così quando incontro libri che sottolineano quasi prepotentemente questa mia idea sorrido compiaciuta: ecco, questo è un progetto! Pensato, studiato, strutturato e voluto. Tale sensazione di completezza mi è arrivata sfogliando Gli omini dei tetti nella città della luce di Marialuigia Campolongo con illustrazioni di Margherita Mari, edito da Le Pecore Nere. Perché Gli omini dei tetti nella città della luce non lo si può definire semplicemente un libro. Certo ha un tot…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Originale

Conclusione : Un libro originale che unisce arte e fantasia, usando divinamente parole e immagini, per riscoprire la poesia e l’immaginazione.

Voto Utenti : 4.61 ( 2 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Non siamo angeli

Non siamo angeli: Guia Risari racconta il punto di vista dei bambini

Leggi l'albo Non siamo angeli di Guia Risari e Alicia Baladan e scopri cosa pensano i bambini quando vengono definiti angioletti.

la caduta del patriarcato

La caduta del patriarcato: Marta Breen racconta la storia del sessismo, la lotta e la resistenza delle donne

Sfoglia il graphic novel La caduta del patriarcato e scopri come Marta Breen con ironia e fondamenti storici narra la storia delle donne.