Poet X

Poet X: Elizabeth Acevedo racconta in modo unico l’adolescenza

Raccontare l’adolescenza agli adolescenti credo sia una delle imprese più titaniche di sempre. Lo stereotipo è sempre dietro l’angolo e la possibilità di perderli perché usiamo parole troppo superficiali o troppo serie una quasi assoluta certezza. Conquistarli con fatti normali, quotidiani, rappresenta il sogno di molti scrittori, e, a mio avviso, Elizabeth Acevedo autrice di Poet X (traduzione di Simona Mambrini e Anna Rusconi, Sperling & Kupfer), c’è riuscita. Ma attenzione! Non solo Elizabeth Acevedo racconta l’adolescenza agli adolescenti, ma lo fa utilizzando versi, una scelta insolita soprattutto in questo settore editoriale. Insolita, ma vincente.

Poet X

Poet X
Elizabeth Acevedo, Poet X

Protagonista del romanzo è Xiomara, una ragazza alle prese con quella centrifuga di emozioni che è l’adolescenza: dai primi attriti con la famiglia al primo amore, dall’amicizia alla poesia, sua grande passione.

Ed è proprio la passione di Xiomara a travolgerci fin dalle prime parole. La poesia ci avvolge, spinge, spaventa e rincorre per poi abbracciarci in un canto colmo di speranza.

Sono a letto
che penso al nuovo anno
e mi sembra
che mi si laceri la pelle.
Corpo da Amazzone, ma minuscolo
per quel che contiene.
Vorrei sgusciarmi come un uovo
picchiato su una tazza.
I prof dicono che
ogni anno è un nuovo inizio,
ma io sono convinta
di aver già iniziato da un pezzo.

Xiomara ha un corpo ingombrante. Ancora bambina ma già donna attira gli sguardi degli adulti ma sogna a occhi aperti il suo primo bacio, affronta la vita con estrema caparbietà mentre a scuola arriva una prof di italiano che sembra riuscire a vedere ben oltre la sua folta chioma.

Ha un fratello gemello, una famiglia molto credente, una migliore amica, e un grande amore che sta nascendo. Ha tutto, ma non ha niente, perché è ancora troppo giovane per comprendere a fondo il potere della parola.

La sensibilità unica del libro

Con le parole Xiomara ci racconta i propri sogni e paure, ma, soprattutto ci mostra una sensibilità unica, capace di farci entrare in ogni suo sentimento e aspettativa, di prenderci per mano per accompagnarci a scoprire ogni angolo più custodito della sua anima.

È un uragano X, un amabile urgano:

Mio fratello è venuto al mondo come un sibilo leggero:
un soffio che a stento muove l’aria, un suono tenue.
Io invece infuriando come l’uragano che gli serviva
per sollevare – e poi scaraventare a terra – i suoi aguzzini.

Un romanzo intenso

Ho amato Xiomara fin dalla prima parola, perché in lei ho rivisto me stessa e le tante, tantissime adolescenti che sfidano il mondo ogni giorno, ospiti indesiderate di un corpo che le sta tradendo, pronte ad affrontare il nemico anche se ancora non è chiaro chi sia. Una meravigliosa giovane donna.

Se Medusa fosse dominicana
e avesse una figlia, credo che sarei io.
Mi sento un mito ed è quel che sembro.
Una storia distorta, in attesa che gli altri
si fermino a guardarla.
Una chioma di ricci sparati
come fuochi d’artificio. Bocca carnosa stretta e affilata
come una lama di rasoio. Ciglia troppo, troppo lunghe
che mi rendono quasi bella.

Attorno a lei tanti personaggi, più o meno importanti, ma soprattutto tante speranze e tantissime parole, forti, uniche. Mai sole.

Un romanzo da leggere tutto d’un fiato, o da affrontare un po’ alla volta; da rileggere e consumare; una guida perché la vita non è mai facile, e durante l’adolescenza, se è possibile, lo è ancora meno.

Raccontare l’adolescenza agli adolescenti credo sia una delle imprese più titaniche di sempre. Lo stereotipo è sempre dietro l’angolo e la possibilità di perderli perché usiamo parole troppo superficiali o troppo serie una quasi assoluta certezza. Conquistarli con fatti normali, quotidiani, rappresenta il sogno di molti scrittori, e, a mio avviso, Elizabeth Acevedo autrice di Poet X (traduzione di Simona Mambrini e Anna Rusconi, Sperling & Kupfer), c’è riuscita. Ma attenzione! Non solo Elizabeth Acevedo racconta l’adolescenza agli adolescenti, ma lo fa utilizzando versi, una scelta insolita soprattutto in questo settore editoriale. Insolita, ma vincente. Poet X Elizabeth Acevedo, Poet…

Score

Storia
Leggibilità
Prezzo

Ottima lettura

Conclusione : Originale, diverso, perfettamente costruito, questo romanzo racconta l’adolescenza agli adolescenti ma lo fa con una nuova modalità: la poesia.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Anastasia al vostro servizio

Anastasia al vostro servizio: scoppiettante romanzo di Lois Lowry

Con il romanzo Anastasia al vostro servizio Lois Lowry ci regala una storia scoppiettante con una trama inaspettata.

Le cose che ci fanno paura

Keren David racconta le cose che ci fanno paura

Leggi il romanzo Le cose che ci fanno paura e conosci le gemelle Lottie ed Evie che devono affrontare diversi problemi nella vita quotidiana.