la ragazza bambù

La ragazza Bambù, delicata fiaba dal sapore orientale

Leggere La ragazza bambù di Edward van Vendel, tradotto dal nederlandese da Laura Pignatti, (Sinnos edizioni), è come viaggiare tra le fiabe e i racconti di ieri di oggi, lontani e vicini nello spazio e nel tempo.

La ragazza Bambù

la ragazza bambù

Il racconto, splendidamente illustrato da Mattias De Leeuw, si apre sulle tonalità del verde, dalla Luna, dove una ragazzina osserva la Terra con il suo cannocchiale per guardare cosa succede a Oi, un fazzoletto di terra in Giappone dove vivevano persone buone.

Un tagliatore di bambù e sua moglie, una sarta, invecchiano serenamente, rammaricati solo di non aver avuto un figlio che potesse contar loro le rughe. 

Un giorno, tra i bambù, il tagliatore trova una bambina alta circa undici centimetri, con una splendida veste azzurra e scarpette blu scuro ai piedini minuscoli.

Finalmente hanno una bambina: Jie.

Una bambina che giocava come un colibrì e quando rideva era come sentire il fruscio delle ali di una farfalla. 
L’abbiamo accolta, diceva la sarta
Ci è stata affidata, diceva il tagliatore di bambù.

E Jie cresce, tra le tonalità del rosa dei ciliegi in fiore e l’azzurro dei suoi abiti, perché Jie vestiva sempre di azzurro.

A diciott’anni Jie è talmente bella che tutti gli uomini del villaggio la chiamano La principessa splendente del flessuoso bambù, Nayotake no Kaguya-hime.

Il dilemma di Jie

I genitori sono preoccupati per il suo futuro e vorrebbero vederla sposata, ma Jie sottopone i numerosi pretendenti a prove difficilissime, che i principi affidano ai loro sottoposti, senza mai mettersi in gioco in prima persona per La Principessa splendente.

Fino all’arrivo del giovane. Non aveva un bel mantello, né un titolo, né un regno. E non aveva neanche un nome. O almeno così diceva.

I giovani si guardano: e quando i loro occhi timidi cominciarono a brillare un pochino, a un tratto si sentì un cinguettio.

Ma Jie diventa triste perché non può: Jie non si sarebbe sposata. Mai. Non poteva. Ma non poteva neanche dirlo ai suoi genitori che facevano tutto per lei e che erano tutto per lei.

E così assegna una prova anche a questo giovane, ma Jie è confusa, non sa cosa sperare…ed è un susseguirsi di avventure tra riflessioni, dubbi, speranze, desideri, personaggi che si rivelano, osservazioni dalla Luna e  l’aiuto della preziosa Rondinella…

Fino all’incontro tra i due giovani

perché l’amore rende liquido ciò che è solido, e fa tornare solido ciò che è liquido, ti mette le ali e al tempo stesso ti inchioda al suolo. Dipinge il mondo in bianco e nero, o te e lui, o lei e te, dei colori del primo mazzo di fiori del paradiso, e delle prime piume paradisiache di un pavone.

Jie chiede salvezza… il segreto viene svelato ma… riusciranno i due giovani ad andare oltre il loro destino?

Una fiaba piacevole

Una fiaba dal sapore orientale, ispirata a un’antica storia giapponese, che racconta l’amore, la libertà, la profondità delle relazioni familiari, la giustizia che spetta agli uomini buoni, dal cuore sincero. Perché il vero amore può rivelarsi solo nella libertà, tra Terra e Luna.

C’è un amore che è più grande di tutto. Più grande di ciò di cui tu e io siamo fatte. Più grande di ciò cui siamo abituate. Più grande del tempo e della morte. Quell’amore non è senza nome. Libertà, ecco cos’è quell’amore.

Una lettura piacevole, che unisce gli archetipi della fiaba a elementi più moderni, accompagnata e arricchita dai disegni ad acquerello dalla foggia orientale.

La casa editrice Sinnos ci regala un’altra bellissima figura femminile in un testo con font ad alta leggibilità della collana I narratori a colori. Sarà divertente trovare le differenze tra questa misteriosa eroina e le principesse disneyane che popolano l’immaginario dei nostri ragazzi.

Leggere La ragazza bambù di Edward van Vendel, tradotto dal nederlandese da Laura Pignatti, (Sinnos edizioni), è come viaggiare tra le fiabe e i racconti di ieri di oggi, lontani e vicini nello spazio e nel tempo. La ragazza Bambù Il racconto, splendidamente illustrato da Mattias De Leeuw, si apre sulle tonalità del verde, dalla Luna, dove una ragazzina osserva la Terra con il suo cannocchiale per guardare cosa succede a Oi, un fazzoletto di terra in Giappone dove vivevano persone buone. Un tagliatore di bambù e sua moglie, una sarta, invecchiano serenamente, rammaricati solo di non aver avuto un…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Delicata lettura

Conclusione : Un’avventurosa fiaba moderna che parla di amore e libertà.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Elena Valente

Insegnante di scuola primaria, lettrice vorace e onnivora, da oltre vent'anni cerca di instillare nei propri alunni e alunne il sacro fuoco della lettura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Il re della foresta

Il re della foresta: Attilio Cassinelli risponde ad alcuni grandi perché

Leggi la storia de Il re della foresta e scopri perché il leone ha la criniera e la leonessa no attraverso l'ottimo albo di Attilio.

Il grande libro dei sottomarini

Il grande libro dei sottomarini di Christian Hill, un volume da leggere e custodire

Sfoglia Il grande libro dei sottomarini e lasciati conquistare da questi spettacolari mezzi marini e da tutti i loro segreti.