Gattaccia maledetta!
Gattaccia maledetta!

Gattaccia maledetta! Tony Ross racconta una gatta pestifera e adorabile

I gatti o si amano o si odiano. Ma attenzione: anche se li odiate non è detto che loro odino voi, anzi. Sono imprevedibili, coccolosi, distratti, affettuosi, agitati, ma tanto, tanto simpatici.

Chi scrive ha avuto una gatta per oltre 16 anni, e anche se è morta da 3 anni ancora non sono riuscita a staccarmi da lei. Impossibile. Forse è per questo che il libro Gattaccia maledetta! di Tony Ross (traduzione di Sara Saorin, Camelozampa editore) mi è entrato nel cuore. Ci rivedo la mia gattaccia maledetta che amavo tanto, o semplicemente perché i gatti sono fatti così e noi umani possiamo solo ammirarli, e amarli.

Gattaccia maledetta!

Gattaccia maledetta!

Gatta Susy Baggot è la simpatica gatta della famiglia Baggot, una micia educata e dolce, ma che, come tutti i gatti, è imprevedibile e a volte maldestra. Anche se a dirla tutta la faccenda di fare la pipì in luoghi non graditi agli uomini è un modo come un altro per segnare il territorio o comunicare il suo disappunto (mi è successo non nella sacca da golf, ma nelle scarpe dopo un’assenza evidentemente troppo lunga).

Anche a Susy capita di vomitare un po’ dove capita, che schifo!, e ama farsi le unghie sulla poltrona. E anche a lei piace fare la cacca sulla sabbia in giardino, esattamente quella dove vanno a giocare i bambini…

Ma un giorno Susy smette di mangiare e di bere. Dopo aver esclamato “gattaccia maledetta” tantissime volte, la famiglia Baggot è presa dal panico: Susy sta male!

Le preoccupazioni per i nostri amici animali

Gattaccia maledetta!

Possiamo raccontarci quello che vogliamo, razionalizzare e minimizzare, ma la verità è che quando l’animale di casa sta male, sia esso un cane un gatto o la tartaruga, stiamo tutti in ansia. Abbiamo paura di perderlo, e ci manca la quotidianità. Ci mancano i suoi miagolii, le fusa, le coccole pretese (perché i gatti si sa, quando vogliono coccole se le prendono anche a costo di graffiarti).

Non vi svelo il finale di Gattaccia maledetta!, però vi tranquillizzo: è un finale molto divertente.

I disegni freschi e dinamici, sempre a firma dell’autore, accompagnano una bella storia, capace di conquistare tutta la famiglia. E anche il gatto, ci aiuta a capire che non dobbiamo dare nulla per scontato, nemmeno i gatti fastidiosi, o i cani rumorosi. Sono parte di noi, della nostra quotidianità e senza non ci possiamo stare. Anche senza le loro cacche.

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

bestie preistoriche

Alla scoperta delle bestie preistoriche con un meraviglioso libro pop up

Sfoglia l'albo Bestie preistoriche di Dean R. Lomax e scopri gli animali del passato grazie ai pop up veramente fatti bene.

Nel regno di Nientepopodimenochè

Claudia Mencaroni ci porta nel regno di Nientepopodimenoché

Scopri cosa succede nel regno di Nientepopodimenochè grazie al libro scritto da Claudia Mencaroni e illustrato da Serena Mabilia.