C come cervello

C come cervello. Neuroscienze per lettori curiosi

Ci sono bambini appassionati di calcio, altri di Lego, di pompieri o di pianeti, di dinosauri o degli antichi egizi. Le passioni sono tali proprio perché non devono spiegare ragioni: ci sono e basta. E noi genitori dovremmo lasciare che i bambini e le bambine le possano sviluppare senza troppi affanni. Certo mantenendo i costi a un livello accettabile, perché anche se appassionati di cavalli non tutti possono permettersene uno!

Qui in casa da un paio di anni è nata una passione insolita, almeno dal mio punto di vista. Ma appunto, trattandosi di una passione, l’ho da prima accettata giusto il minimo per sopravvivenza, anche se ora sta diventando alquanto ingombrante, soprattutto il bisogno di conoscenza che la accompagna.

Mio figlio è appassionato del cervello. Nel senso che tutto ciò che riguarda il cervello lo interessa: dal come funziona al come è fatto, dalle funzioni ai sogni. Due anni fa era ancora troppo piccolo e ho faticato a trovare un libro che riuscisse a soddisfare questa curiosità. Ora alla vigilia dei sette anni abbiamo provato con un primo libro: C come cervello. Neuroscienze per lettori curiosi di Marcello Turconi, con le illustrazioni di Allegra Agliardi (Nomos edizioni). Dico primo perché non ho dubbi in merito: ne troveremo molti altri.

C come cervello

C come cervello
Marcello Turconi – Allegra Agliardi, C come cervello. Neuroscienze per lettori curiosi, Nomos edizioni

Da un paio di settimane lo vedo intento a sfogliare il volume, inserire il segnalibro per non perdere il filo, leggere con estrema attenzione, e solo ora riesco finalmente ad appropriarmi di questa nuova entrata casalinga per potervene parlare.

All’apparenza il volume si presenta come un albo illustrato. Non ci sono infatti fotografie ma illustrazioni, scelta saggia perché sebbene sicuramente interessanti per un seienne, le fotografie potrebbero risultare ancora di difficile comprensione.

Unendo, invece, le spiegazioni, molto pulite, chiare e colme di riferimenti ed esempi pratici, ai disegni colorati ma molto esplicativi, i bambini possono trovare in queste pagine moltissime risposte alle loro tante domande.

Il nostro inestimabile tesoro

Ovviamente il libro parte presentando lui: il cervello, il nostro inestimabile tesoro.  Sottolinea cos’è, dove si trova, le sue dimensioni e poi inizia a spiegare cosa fa ­­– argomento difficile, perché il nostro cervello fa davvero tante, tantissime, cose. E come le fa? Organizzando le informazioni.

Così l’autore ci presenta una grande città dentro la nostra testa, dove possiamo vedere diverse zone con funzioni specifiche.

c come cervello

Dalle zone passiamo agli abitanti della città, e facciamo la conoscenza di neuroni e neurotrasmettitori. Troppo difficile? Forse, ma assicuro che le spiegazioni sono chiare e i disegni aiutano a comprendere ogni dettaglio. E se qualche parola risulta davvero incomprensibile ci sono sempre i genitori a cui chiedere, che loro volta, ricordo, possono riscoprire l’utilità del vocabolario!

Proseguendo il viaggio scopriamo come riusciamo a sentire il gusto della pizza, come fa il nostro cuore a battere senza che ce ne accorgiamo e come funzionano i nostri muscoli. Che avventura!

C come cervello: una lettura illuminante

Lo ammetto, la lettura di questo libro ha scatenato altre domande, ma si è rivelata davvero utile per soddisfare una parte delle mille curiosità che da un paio d’anni ci assillavano e a cui io facevo fatica a rispondere: pur conoscendo le risposte non è semplice tradurre il tutto a portata di un seienne.

C come cervello è una lettura che consiglio a tutti. Da affrontare tutto d’un fiato o un po’ alla volta quando si hanno dei dubbi e si desidera approfondire un argomento, o in classe, per appassionare ogni bambino o bambina ad argomenti che spesso non vengono affrontati.

Ci sono bambini appassionati di calcio, altri di Lego, di pompieri o di pianeti, di dinosauri o degli antichi egizi. Le passioni sono tali proprio perché non devono spiegare ragioni: ci sono e basta. E noi genitori dovremmo lasciare che i bambini e le bambine le possano sviluppare senza troppi affanni. Certo mantenendo i costi a un livello accettabile, perché anche se appassionati di cavalli non tutti possono permettersene uno! Qui in casa da un paio di anni è nata una passione insolita, almeno dal mio punto di vista. Ma appunto, trattandosi di una passione, l’ho da prima accettata giusto…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Imperdibile

Conclusione : Un bellissimo albo illustrato colmo di nozioni e approfondimenti sul nostro cervello: una lettura imperdibile per chi desidera saperne di più!

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso: Federico Moccia racconta le sfide del web

Leggi Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso e scopri come Federico Moccia racconta il mondo del web a ragazze e ragazzi.

I grandi capolavori dell'opera

Conosciamo i grandi capolavori dell’opera

Sfoglia l'albo I grandi capolavori dell'opera e scopri tante curiosità su questa forma d'arte grazie a Serenella Quarello e Fabiana Bocchi.