Sono Vincent e non ho paura

Sono Vincent e non ho paura: Enne Koens scrive una bellissima storia

Non è mai semplice raccontare le paure. Non lo è per gli adulti e nemmeno per gli autori dei libri, ma soprattutto non lo è per i bambini e le bambine. Possiamo ipotizzare che da paura nasce paura, quindi non racconto la mia paura perché ho paura che non venga capita, accettata ecc. Ma Vincent il protagonista del romanzo Sono Vincent e non ho paura di Enne Koens (illustrazioni di Maartje Kuiper, traduzione di Olga Amagliani, Camelozampa editore), ha escogitato un piano di sopravvivenza notevole per affrontare tutte le paure della vita, anche se… a volte abbiamo davvero bisogno di aiuto, di una mano o di un po’ di ascolto per superarle.

Sono Vincent e non ho paura

Vincent viene considerato un bambino strano. O meglio: i suoi compagni di classe lo considerano strano al punto che lo prendono in giro, lo inseguono, lo picchiano… Un tantino trascurato dai suoi genitori, l’unica persona con cui si confida è Charlotte, la babysitter poco più grande di lui. E i suoi animali immaginari che certo lo ascoltano con enorme attenzione e lo incitano, ma… non possono tirarlo sempre fuori dai guai.

Ecco un’altra cosa che non capisco di me. Gli altri bambini gridano fortissimo e chiamano la maestra. Quella viene, si arrabbia ed è tutto finito. Io però, gridavo solo se mi facevano davvero tanto male, e anche così gridavo troppo piano, così nessun maestro o maestra se ne accorgeva e veniva ad aiutarmi.

Leggi il libro Sono Vincent e non ho paura e scopri come Enne Koens racconta una bella storia che insegna ad affrontare i problemi della vita.
Enne Koens, Sono Vincent e non ho paura

Vincent ha una scatola di sopravvivenza, resa impermeabile, contenente tutto il necessario per sopravvivere in un bosco; studia i manuali, sa quali bacche mangiare e quali no, come raccogliere l’acqua (e per farlo ha bisogno di un preservativo, ma al negozio accanto casa non gli credono), come far sparire le sue tracce…

Saper chiedere aiuto

Quello che non spiegano i libri però lo impara durante il campo scuola, perché saper chiedere aiuto è difficile, e a volte inevitabile.

Vincent parte, con lui la sua nuova migliore amica La Jas.

La Jas è simpatica, vivace, mangia sushi a pranzo e anche lei si sente molto sola, parla quattro lingue, viaggia sempre così diventa subito importante a scuola ma tra tutti sceglie l’amicizia di Vincent. Il bullo Dilan non la prende molto bene così decide di vendicarsi proprio durante i brevi giorni del campo scuola. Giorni che si trasformano in un incubo.

Per fortuna anche Vincent impara a chiedere aiuto, gli adulti aprono gli occhi, e tutto sommato anche questa storia finisce bene.

La Jas versa la salsa di soia sul sushi.

Io suddivido lo zenzero. Mangiamo. Lascio a lei il salmone e mangio l’avocado con sopra i semi di sesamo.

“Andrò a lezione di batteria”, le dico.

Lei borbotta soddisfatta. Quando mangia La Jas non parla, borbotta, ma dalla faccia che fa capisco che le sembra una buona idea.

Mi guardo intorno con discrezione, perché sento gli occhi degli altri puntati su di me. Gli animali ridacchiano ma io sono preoccupato, perché so che se divento amico della Jas la mia classe non la prenderà bene.

Un bel romanzo, una bella storia, ottima per affrontare argomenti spinosi in classe, per parlare di paure e timori, per affrontare anche ciò che ci procura vergogna e comprendere che chiedere aiuto è un’azione da eroi. Sempre.

Non è mai semplice raccontare le paure. Non lo è per gli adulti e nemmeno per gli autori dei libri, ma soprattutto non lo è per i bambini e le bambine. Possiamo ipotizzare che da paura nasce paura, quindi non racconto la mia paura perché ho paura che non venga capita, accettata ecc. Ma Vincent il protagonista del romanzo Sono Vincent e non ho paura di Enne Koens (illustrazioni di Maartje Kuiper, traduzione di Olga Amagliani, Camelozampa editore), ha escogitato un piano di sopravvivenza notevole per affrontare tutte le paure della vita, anche se… a volte abbiamo davvero bisogno di…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Utile

Conclusione : Una bellissima storia, a tratti drammatica ma capace di affrontare tematiche molto dolorose come il bullismo e la paura strappando sorrisi e molta comprensione.

Voto Utenti : 0.78 ( 1 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Non siamo angeli

Non siamo angeli: Guia Risari racconta il punto di vista dei bambini

Leggi l'albo Non siamo angeli di Guia Risari e Alicia Baladan e scopri cosa pensano i bambini quando vengono definiti angioletti.

la caduta del patriarcato

La caduta del patriarcato: Marta Breen racconta la storia del sessismo, la lotta e la resistenza delle donne

Sfoglia il graphic novel La caduta del patriarcato e scopri come Marta Breen con ironia e fondamenti storici narra la storia delle donne.