La storia di Ignazio

La storia di Ignazio: Anna Annina Lorenzi racconta il cane che arriva dallo spazio

Ho sempre sospettato che i cani non ce la raccontano giusta. Nel senso che tendenzialmente osservano e capiscono molto più di quello che noi poveri umani possiamo intuire. Hanno un sesto senso canino notevole e studiano la realtà con fare molto più furbo di quanto possiamo pensare.

Ma come raccontare la vita di un cane ai bambini? Facendo parlare lui, ovviamente! E come spiegare un cane che non solo parla ma ci racconta una, dieci, cento storie?

Anna “Annina” Lorenzi ha avuto un’idea geniale. Invece di umanizzare il suo Ignazio, cosa fattibile ma molto disneyana, ha semplicemente deciso di farlo arrivare dallo spazio… Così La storia di Ignazio, il cane che arriva dallo spazio, di Anna “Annina” Lorenzi (illustrazioni di Lele Corvi, progetto di “Original A19”) ci conquista, tutti, per simpatia, ironia e tanta empatia canina.

La storia di Ignazio, il cane che arriva dallo spazio

La storia di Ignazio
Anna “Annina” Lorenzi, La storia di Ignazio, il cane che arriva dallo spazio

Ignazio è un cane buffo. Buffo per me, si capisce, perché lui probabilmente si definirebbe molto intelligente, socievole e attento alle stranezze umane. Arriva dallo spazio per annusarci e capirci.

Ama stare con gli umani, non schifa i gatti anche se quando li prende non li ama di certo, adora i grattini sulla pancia, ma non tutti sono degni di farglieli, e riesce a tessere amicizie e altri strambi rapporti. Ma soprattutto Ignazio ci racconta tutto in prima persona. Se faticate a immaginarvelo le illustrazioni vi toglieranno ogni dubbio: perché Ignazio è così proprio come lo vedete, e mi fa venire voglia di grattarlo un pochino.

Tante storie, aneddoti, ma soprattutto pensieri e riflessioni sull’amicizia, così complicata, soprattutto quando all’amico puzzano i piedi, e sul cibo: sempre ben accetto. Sulle coccole e sul divano.

Ignazio è uno spasso ma con la sua leggera ironia riesce sempre a farci riflette su tantissime tematiche, senza mai appesantire, riuscendo a strappare risate e pensieri.

Eppure, alla fine, il mio Amico dai piedi che puzzano mi adottò insieme alla sua famiglia. Voglio bene al mio Amico dai piedi che puzzano. E anche alla sua famiglia. È molto che non li vedo. Un giorno o l’altro devo uscire dal quartiere e andare a trovarli. Chissà se a lui i piedi puzzano ancora… Beh, poco male, un vero Amico rimane sempre un vero Amico!

Una lettura per tutti

Storie brevi, da leggere tutto d’un fiato o una alla volta, da approfondire in classe o assaporare accoccolati sul divano (ma attenzione, Ignazio ama i divani!). Dall’amicizia alla diversità, dalla musica al cibo, Ignazio ci accoglie nella sua vita scodinzolando e inizialmente un po’ sospettoso, ma alla fine riuscirà a scaldarci i cuori per simpatia e saggezza.

Va bene, d’accordo, lo ammetto! (Che dire, gli umani bisogna pur farli contenti, ogni tanto.) Anche noi cani, inclusi quelli che arrivano dallo spazio, abbiamo i nostri timori. E quindi?! Vorremmo mica farne una tragedia? Sfido a trovare un terrestre che non ne abbia. Figuriamoci.

Coinvolgente, simpatico, allegro e riflessivo Ignazio è il compagno di letture, e di giochi, che ognuno di noi vorrebbe avere. Ma forse, lo abbiamo già incontrato e ora dobbiamo fare più attenzione!

Ho sempre sospettato che i cani non ce la raccontano giusta. Nel senso che tendenzialmente osservano e capiscono molto più di quello che noi poveri umani possiamo intuire. Hanno un sesto senso canino notevole e studiano la realtà con fare molto più furbo di quanto possiamo pensare. Ma come raccontare la vita di un cane ai bambini? Facendo parlare lui, ovviamente! E come spiegare un cane che non solo parla ma ci racconta una, dieci, cento storie? Anna “Annina” Lorenzi ha avuto un’idea geniale. Invece di umanizzare il suo Ignazio, cosa fattibile ma molto disneyana, ha semplicemente deciso di farlo…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Divertentissimo!

Conclusione : Divertente libro dai 0 ai 99 anni, ricco di spunti e aneddoti capace di coinvolgere i lettori e accompagnarli verso riflessioni molto più profonde di quanto si possa pensare.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

caccia al ladro virtuale

Caccia al ladro virtuale: torna la banda degli smanettoni

Leggi Caccia al ladro virtuale di Anna Fogarolo e scopri la nuova indagine della banda degli smanettoni alle prese con un furto di bitcoin.

la favola di amore e psiche

Michelangelo Rossato reinterpreta la favola di Amore e Psiche

Lasciati conquistare da La favola di Amore e Psiche nella splendida interpretazione figurativa di Michelangelo Rossato.