Sogni d'oro
Un'illustrazione del silent book Sogni d'oro

Sogni d’oro: il tenero silent book di Paola Formica

Amo i silent book: sono difficilissimi da progettare, ma quando si rivelano un trionfo li adoro. I silent book sono una sfida perché per raccontare e ascoltare una storia ci dobbiamo fidare delle sole illustrazioni. Niente parole, suoni o altro. “Solo” disegni. Le immagini raccontano, e contemporaneamente consentono di esplorare nuovi mondi, di attivare la fantasia presente in ognuno di noi, tanto da portare ogni lettore a leggere la propria personalissima storia.

"<yoastmark

Sogni d’oro

Sogni d’oro di Paola Formica (San Paolo editore 2018), è un silent book perfetto.

Con dolcezza e tenerezza ogni singolo disegno ci porta a scoprire il mondo della protagonista, ma ogni tavola stimola anche la nostra fantasia.

Così l’enorme zampa potrebbe spaventarci, ma ecco che la piccola protagonista scopre che invece appartiene a un simpaticissimo leone. Una strana creatura ci afferra, ma no! Si tratta di un elefante.

E se ci sentiamo spaventati possiamo sempre stringere forte la sicura coperta. Il coccodrillo, l’orso, il dinosauro, afferrano, saltano, scivolano corrono assieme alla sognatrice… Ogni disegno presenta un momento di «dubbio» per poi manifestare gioia pura: la stessa gioia che dovrebbe accompagnare i sogni di ogni bambino.

E il mostro? Certo, troviamo anche il mostro come in ogni sogno che si rispetti, scuro, con occhi grandi ed enormi denti. Che paura! Ma siamo sicuri che questo mostro sia davvero così mostruoso? O può trasformarsi anche lui in un gioco? O semplicemente è parte del sogno e se impariamo ad affrontarlo può diventare un’opportunità?

Un bellissimo lavoro, capace di tranquillizzare i più piccoli, e far riflettere i grandi: perché i sogni sono sempre importanti, anche quelli dei bambini.

Un bel libro

Una curiosità: con una tavola di questo silent book Paola Formica si è aggiudicata per la seconda volta consecutiva l’Annual Award Argento nella Categoria Editoria infanzia dell’Annual 2018 dell’Associazione Autori di Immagini. Un premio meritatissimo!

Amo i silent book: sono difficilissimi da progettare, ma quando si rivelano un trionfo li adoro. I silent book sono una sfida perché per raccontare e ascoltare una storia ci dobbiamo fidare delle sole illustrazioni. Niente parole, suoni o altro. “Solo” disegni. Le immagini raccontano, e contemporaneamente consentono di esplorare nuovi mondi, di attivare la fantasia presente in ognuno di noi, tanto da portare ogni lettore a leggere la propria personalissima storia. Sogni d'oro Sogni d'oro di Paola Formica (San Paolo editore 2018), è un silent book perfetto. Con dolcezza e tenerezza ogni singolo disegno ci porta a scoprire il&hellip;

Score

Storia
Illustrazioni
Prezzo

Un libro ben fatto!

Conclusione : Un silent book da sfogliare ininterrottamente, dolce e avventuroso come sono i sogni dei bambini.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Crescere gentili

Crescere gentili: Naomi Shulman ci sprona alla gentilezza

Crescere gentili è il titolo di un albo di Naomi Shulman illustrato da Hsinping Pan ma è anche una necessità: scopri di più su questo libro.

Sgrunt

Sgrunt!: Daniele Movarelli e Alice Coppini raccontano l’avventura perfetta per bambini

Leggi Sgrunt! e divertiti con la storia di un pirata molto spinoso raccontata molto bene da Daniele Movarelli e Alice Coppini.