Home > Libri > Il temporale, di Frédéric Stehr
Il temporale, di Frédéric Stehr
Il temporale, di Frédéric Stehr

Il temporale, di Frédéric Stehr

Alcuni problemi esistono solo nella mente degli adulti. I bambini vivono il presente e per loro ogni novità rappresenta una festa, una scoperta, una gioia.

Frédéric Stehr utilizza una storia semplice ma efficace per comunicare ad adulti e bambini l’importanza del qui e ora. I bambini in realtà non avrebbero bisogno di una tale sottigliezza: per loro ogni attimo della vita è il presente che stanno vivendo, un presente in cui le emozioni li avvolgono, a volte li stritolano, altre li fanno volare leggeri. Ma gli adulti spesso inciampano imponendo rigide regole incomprensibili.

Intendiamoci, le regole servono, ma a volte romperle è indispensabile.

Il temporale

Frédéric Stehr, Il temporale
Frédéric Stehr, Il temporale

Piove. La pioggia ha da sempre diviso gli animi, per non parlare del temporale, così improvviso, a volte violento, capace di ripulire l’aria e affascinare perché si impossessa della natura e contemporaneamente ci può spaventare perché, spesso, cambia ogni piano.

I personaggi della storia di Frédéric Stehr sono tutti uccellini impegnati in una lezione di danza. Un’anarchica lezione perché nonostante la buona volontà dell’insegnante, ognuno balla personalizzando la situazione: sarà per la pioggia che fuori domina la natura, sarà per l’energia che ogni bambino esibisce in ogni cosa che fa. A gruppi, da soli, saltando, sculettando, sulle punte, abbracciandosi… quello che ogni maestra teme si è verificato: ognuno fa un po’ quello che gli pare.

Qualcuno può vederci confusione, altri dei bambini meravigliosi che semplicemente ballano.

Ma a un certo punto la maestra non vede più Paloma, il suo tutù rosa è sparito assieme a lei…

I bambini decidono come divertirsi ma anche dove: così Paloma ha deciso di ballare fuori sotto la pioggia.

«Uno, due, tre liberi tutti!» Urla la maestra.

Bagnati, sporchi, infangati ma felici. Liberi di vivere il tempo e lo spazio, e la musica, come meglio credono.

Avete mai provato a far ballare dei bambini senza dare alcuna regola?

Credo che Frédéric Stehr si sia imbattuto in uno spettacolo simile, un caos capace di fermare il tempo, di richiamare la gioia di vivere.

Meno regole e più libertà?

Forse sì, o forse semplicemente più divertimento.

Frédéric Stehr, Il temporale

Alcuni problemi esistono solo nella mente degli adulti. I bambini vivono il presente e per loro ogni novità rappresenta una festa, una scoperta, una gioia. Frédéric Stehr utilizza una storia semplice ma efficace per comunicare ad adulti e bambini l’importanza del qui e ora. I bambini in realtà non avrebbero bisogno di una tale sottigliezza: per loro ogni attimo della vita è il presente che stanno vivendo, un presente in cui le emozioni li avvolgono, a volte li stritolano, altre li fanno volare leggeri. Ma gli adulti spesso inciampano imponendo rigide regole incomprensibili. Intendiamoci, le regole servono, ma a volte…

Score

Storia
Leggibilità
Illustrazioni
Prezzo

Divertente

Conclusione : Un ottimo albo per tutta la famiglia: il divertimento non ha età.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Pensa come Albert Einstein

Pensa come Albert Einstein. Giochi e attività per il cervello, di Carlo Carzan e Sonia Scalco

Pensa come Albert Einstein è un libro di Carlo Carzan e Sonia Scalco che con giochi e attività invita i giovani lettori a essere curiosi come Einstein.

E tu dove leggi?

E tu dove leggi? di Géraldine Collet e Magali Le Huche

E tu dove leggi? Non è solo una domanda curiosa, ma anche il titolo di un bell'albo per bambini che sottolinea l'importanza della lettura.