Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà
Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

In Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà (titolo originale: Historia de un perro llamado LealLuis Sepúlveda racconta la storia del cane Aufman.

Questo cucciolo ha dimostrato lealtà a monwen, la vita, non ha ceduto al comodo invito di lakonn, la morte, perciò si chiamerà Aufman, che nella nostra lingua significa leale e fedele.

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Il libro racconta anche della lealtà del cane verso l’umano che l’ha cresciuto.

Il tutto è narrato dal punto di vista del cane. Noi siamo messi a parte delle sue riflessioni e dei suoi pensieri.

Inoltre veniamo a conoscere di come un pastore tedesco come lui sia finito tra i mapuche. Il racconto di Sepúlveda, infatti, è ambientato tra i mapuche – Gente della Terra – ed è a loro dedicato, per colmare “un debito che durava da tanti anni”.

Lo stesso autore nell’introduzione racconta la genesi di questo testo. Da piccolo ascoltava da un suo prozio i racconti dei mapuche e ora che è adulto vuole disobbligarsi donando loro un suo racconto.

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

E così nella storia di questa lealtà senza confini, lealtà che rimane inossidabile nel cuore di Aufman anche dopo anni e mille disavventure, ci troviamo anche dinanzi al vocabolario e alla cultura dei mapuche, al loro modo di sentire il contatto con la natura e con ogni essere vivente.

Chi non coglie la tristezza negli occhi di kawell, il cavallo, che dopo essere stato domato sente ancora sotto gli zoccoli la libertà perduta? Chi non percepisce la pena nello sguardo di mansur, il bue legato al giogo e allontanato dalla prateria? Chi non avverte la propria piccolezza contemplando le pupille di mañke, il condor, sovrano del ciel più alto?

Luis Sepúlveda in Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà fa una lettura sapienziale della realtà. In un certo senso spiega anche il mondo da cui veniamo e quello che siamo diventati. Attraverso il tema del rispetto della natura, tema caro allo scrittore, si evidenzia, infatti, la deriva che può raggiungere il cuore dell’uomo quando si inaridisce e perde di vista il proprio posto nell’universo, comportandosi da padrone del mondo.

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà, al di là delle riflessioni, rimane una bella storia, narrata da Luis Sepúlveda con la maestria che gli è propria e che affascina lettori e lettrici in tutto il mondo. Una storia per piccoli, ma anche per grandi; per quanti amano gli animali (non solo i cani) e quanti si adoperano per difendere la Madre Terra. Il libro è arricchito da evocativi disegni di Simona Mulazzani.

In Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà (titolo originale: Historia de un perro llamado Leal) Luis Sepúlveda racconta la storia del cane Aufman. Questo cucciolo ha dimostrato lealtà a monwen, la vita, non ha ceduto al comodo invito di lakonn, la morte, perciò si chiamerà Aufman, che nella nostra lingua significa leale e fedele. Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà Il libro racconta anche della lealtà del cane verso l’umano che l’ha cresciuto. Il tutto è narrato dal punto di vista del cane. Noi siamo messi a parte delle sue riflessioni e dei suoi pensieri. Inoltre veniamo a…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Da leggere

Conclusione : Una favola moderna che, al di là della semplicità della narrazione, scava nella profondità dei sentimenti

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

L'accademia del bene e del male

L’accademia del bene e del male, una bella storia che però sa già di visto

Scopri la serie L'accademia del bene e del male scritta da Soman Chainani che sebbene parta da una buona idea poi si perde nella storia.

Arriva il gatto!

Arriva il gatto, albo illustrato per sconfiggere i pregiudizi

Scopri l'albo illustrato Arriva il gatto di Frank Ash e Vladimir Vagin e leggi la storia che può aiutarti a sconfiggere i pregiudizi.