Dante e le infernali scienze
Dante e le infernali scienze

Dante e le infernali scienze: Luca Novelli ci fa innamorare dell’Alighieri

“Chi è Dante, mamma?”.

“Io lo so, io lo so! È quel signore lì, vestito di rosso con il naso grande”.

I dialoghi tra i miei figli meriterebbero un racconto a parte, ma oggi mi sono utili per ricordarvi che nel 2021 cade il settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri. Un anno, questo, non molto fortunato a dire il vero, perché causa pandemia i tanti progetti e laboratori stanno sfumando in attesa di un momento migliore.

Ma anche se non possiamo presentare ai nostri amati pargoli musei, attività e scoperte scolastiche, credo possiamo provare ad andare oltre il naso di Dante, e cercare di raccontare il suo talento, calandolo in un contesto storico affascinante. Possiamo. Ma, io che sono molto ingenua ai miei figli ho risposto:

“È il signore che ha scritto la Divina Commedia”.

“E cos’è la Divina Commedia?”.

“È un libro bellissimo, ma a seconda di chi te lo presenterà a scuola lo odierai o lo amerai…”.

La Commedia di Dante

Io ho amato la Divina Commedia, ma ammetto che non ho aspettato i tempi scolastici: l’ho letta per il semplice gusto di leggerla. Molti miei compagni, invece, l’hanno odiata, abbandonata con forza sotto a libri e diari, strappata di malavoglia a una biblioteca, dimenticata per sempre sullo scaffale. E vi assicuro, erano tutti ragazzi molto intelligenti.

È un dato di fatto di fronte al quale noi adulti dobbiamo interrogarci: perché odiare la Divina Commedia è una soluzione troppo semplicistica e immediata, un rifiuto verso la scuola più che verso l’opera. Insegnare Dante Alighieri e la sua Commedia non è facile, ma può offrire decisamente tantissime possibilità per attivare discussioni e confronti, per proporre laboratori e ricerche. Magari prendendo spunto da un libro…

Dante e le infernali scienze

Dante e le infernali scienze
Luca Novelli, Dante e le infernali scienze

Dante e le infernali scienze di Luca Novelli (Editoriale Scienza), non è il solito libro su Dante, ma un sublime lavoro di sintesi e racconto, addirittura illustrato, studiato con estrema intelligenza per avvicinare i più giovani a questo sommo poeta. Perché più leggiamo, più lo conosciamo, più siamo incuriositi da lui, e di conseguenza, da quello che ci ha lasciato. E anche se, sfortunatamente, un domani la lezione su Dante sarà noiosa, ricordando queste pagine i ragazzi potranno sorridere, e ragionare.

Grazie a una scrittura fresca e ritmata scopriamo, così, che Dante vive e cresce in una città splendida ma maleodorante, Firenze, e che potremmo definirlo semplicemente: sdegnoso, megalomane, geniale. Con un naso ingombrante.

Insieme a lui conosciamo però anche la storia del 1200, le città, le guerre; incontriamo i nomi di Cimabue e Giotto, viaggiamo per Padova, Lucca, e Roma, sbirciamo sopra la sua spalla mentre inizia a prendere forma la Divina Commedia, soffriamo le sue pene e incontriamo Beatrice con i suoi stessi occhi.

Perché ti piacerà questo libro

Poeta, ambasciatore, divulgatore della conoscenza, il Dante di Luca Novelli riesce nell’impresa incredibile di arrivare al cuore di bambini e bambine, coinvolgendo i lettori in ogni sua avventura e riuscendo a dare forma e colori alla sua vita e alle sue passioni.

Così non è più il poeta dal naso grosso, ma uno spirito inquieto, assetato di conoscenza e di sapere, viaggiatore e studioso. Instancabile appassionato.

“Bentrovati damigelle e giovani messeri. Mi chiamo Durante, figlio di Alighiero degli Alighieri. Dante per tutti. Benvenuti nella mia Firenze. Non conosco città più bella, anche se ai vostri occhi e al vostro naso forse non garberebbe. Ci son macerie e torri mozzate dappertutto. Qui, ad ogni cambio di governo, si chiami guelfo o ghibellino, chi vince butta giù quelle degli avversari.”

Un libro consigliato a tutti. Ai bambini, che a mio avviso ne rimarranno affascinati, ma anche a quegli adulti che hanno odiato Dante, semplicemente perché non l’hanno mai conosciuto.

“Chi è Dante, mamma?”. “Io lo so, io lo so! È quel signore lì, vestito di rosso con il naso grande”. I dialoghi tra i miei figli meriterebbero un racconto a parte, ma oggi mi sono utili per ricordarvi che nel 2021 cade il settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri. Un anno, questo, non molto fortunato a dire il vero, perché causa pandemia i tanti progetti e laboratori stanno sfumando in attesa di un momento migliore. Ma anche se non possiamo presentare ai nostri amati pargoli musei, attività e scoperte scolastiche, credo possiamo provare ad andare oltre il naso…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Imperdibile

Conclusione : Per avvicinare i bambini al mondo, al talento e alle passioni di Dante Alighieri: un libro perfetto, da leggere, scoprire e approfondire. Un primo approccio davvero originale e unico

Voto Utenti : 4.56 ( 1 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Anastasia al vostro servizio

Anastasia al vostro servizio: scoppiettante romanzo di Lois Lowry

Con il romanzo Anastasia al vostro servizio Lois Lowry ci regala una storia scoppiettante con una trama inaspettata.

Le cose che ci fanno paura

Keren David racconta le cose che ci fanno paura

Leggi il romanzo Le cose che ci fanno paura e conosci le gemelle Lottie ed Evie che devono affrontare diversi problemi nella vita quotidiana.