Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso: Federico Moccia racconta le sfide del web

Ragazzi e ragazze di tutto il mondo oggi navigano in rete, chattano, piacciano, filmano, fotografano. Comunicano continuamente tramite i social network (e non solo), condividono e dialogano. Alcuni adulti considerano il tutto una gran perdita di tempo, perché poco produttivo in termini di apprendimento e denaro. Ma la realtà è molto più complessa, e veloce, e come spesso accade, un buon libro ci può aiutare a capire. Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso di Federico Moccia (TRE60 Kids), desidera innanzitutto divertire, dalla prima all’ultima parola. Poi se siete così interessati da andare oltre la storia per capire anche i giovani… meglio per voi.

Da parte mia, vi assicuro che i lettori apprezzeranno le avventure di Beniamina, perché possiamo solo amarla incondizionatamente.

Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso

Ma andiamo con ordine. Siamo a Bauville, cittadina decisamente mondana abitata da splendidi cani umanizzati. Qui troviamo Beniamina, giovane frizzante, aspirante influencer studentessa di scienze della comunicazione. Beniamina ama la moda, gli eventi, gli scoop, clicca, scrive, filma, fotografa… è un tornado.

Mi sono appena iscritta all’università di Bauvil­le, faccio Scienze della comunicazione, perché amo scrivere, parlare, fotografare, vedere, curiosare, sapere, condividere, in una parola COMUNICARE!

Vorrei fare la giornalista, la reporter, la you­tuber, la blogger… Non so ancora bene come, ma troverò il modo! Intanto, studiando, sto imparando tante cose importanti per il mio futuro lavoro, tipo tutti i segreti della COMUNICAZIONE DI MASSA.

Federico Moccia, Beniamina Wood e il mistero del diamantosso

Super attiva, simpatica, intraprendete, Beniamina ha una mamma dottore e un papà commissario di polizia – non molto felice delle scelte di vita della famiglia ma che saprà farsene una ragione… come tanti genitori! –  due fratelli e tanti amici. E cosa mai potrebbe andare storto nella sua vita?

Un mancato invito all’evento dell’anno lascia Beniamina nello sconforto più totale: alla sfilata di Rodolfo Barboncino ci sarà la sua rivale, ma non lei. Com’è possibile? Come sopravvivere a una tale tragedia?

Ovviamente il fato ci mette lo zampino, anzi… l’amica, una vecchia amica che guarda caso è proprio l’assistente del famoso stilista.

All’evento però accade qualcosa di inaspettato: qualcuno ruba il famosissimo Diamantosso. Accorrono tutti, blogger, giornalisti, poliziotti e pure il papà di Beniamina. Ma chi sarà stato?

Una piacevole lettura

Scoppiettante e frizzante come la sua protagonista, Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso ha il pregio di raccontare un’ambiente non così diverso dalla nostra quotidianità. Riesce a far apprezzare alcune mode di questo tempo e contemporaneamente dà valore anche all’amicizia, quella vera; sa trovare un ruolo importante alla famiglia (la nonna di Beniamina è favolosa), e anche un giusto equilibrio tra le narrazioni del web e la realtà.

Una lettura molto piacevole che sono certa conquisterà anche i giovani lettori.

Ragazzi e ragazze di tutto il mondo oggi navigano in rete, chattano, piacciano, filmano, fotografano. Comunicano continuamente tramite i social network (e non solo), condividono e dialogano. Alcuni adulti considerano il tutto una gran perdita di tempo, perché poco produttivo in termini di apprendimento e denaro. Ma la realtà è molto più complessa, e veloce, e come spesso accade, un buon libro ci può aiutare a capire. Beniamina Wood e il mistero del Diamantosso di Federico Moccia (TRE60 Kids), desidera innanzitutto divertire, dalla prima all’ultima parola. Poi se siete così interessati da andare oltre la storia per capire anche i…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Piacevole

Conclusione : Divertente romanzo per bambine e bambini curiosi e intraprendenti, perché il web oramai è di casa, ma come lo gestisce Beniamina… è semplicemente perfetto!

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

I grandi capolavori dell'opera

Conosciamo i grandi capolavori dell’opera

Sfoglia l'albo I grandi capolavori dell'opera e scopri tante curiosità su questa forma d'arte grazie a Serenella Quarello e Fabiana Bocchi.

La guerra è finita

La guerra è finita: David Almond racconta la guerra vista dai bambini

Leggi il libro La guerra è finita è scopri come David Almond riesca a raccontare benissimo la guerra vista con gli occhi dei bambini.