Cinque bei libri per bambini senza testo
Cinque bei libri per bambini senza testo

Libri per bambini senza testo: i silent book

I libri per bambini senza testo, o silent book, sono i più poetici, i più difficili per i grandi, che si ritrovano a dover estrarre dal cappello quella fantasia oramai dimenticata, e i più belli per i piccoli, che le parole ancora non le leggono e vedono nelle immagini la vera meraviglia della storia.

L’importanza dei libri per bambini senza parole

L’aspetto più importante di questi libri è notare come, dopo la lettura con i grandi, i libri senza parole diventano palcoscenico unico della fantasia dei bambini, con le sole immagini che riescono a inventare storie sempre diverse e a capovolgere la situazione: i genitori devono ascoltare la loro storia, da narratori diventano così spettatori.

Ma come sceglierli? Anche in questo caso la scelta non è facile, e molto dipende dall’età del lettore. Alcuni silent book sono ricchi di particolari, trame e suggerimenti velati. Altri, invece, sono più semplici, presentano colori primari, personaggi principali definiti e la loro semplicità aiuta i più piccoli , attenti lettori.

Alcuni bei libri per bambini senza testo

Il primo esempio che ho scelto per la categoria è Tortintavola. Ma la torta dov’è?, di Thé Tiong-Khing (Beisler editore) coloratissimo albo, ricco di dettagli e di storie intrecciate. I protagonisti si mimetizzano tra il verde che, a sua volta, cela altri personaggi. La prima lettura vedrà il bambino impegnato a scovare tutti i particolari, ma una volta che li avranno trovati saranno le loro storie a trasportare lettore e ascoltatore.

Altro splendido esempio è La gara delle coccinelle di Amy Nielander (Terre di Mezzo). Le coccinelle del libro sono tutte a grandezza naturale e lo spazio della pagina viene sfruttato in maniera totalitaria. Sembra proprio di vedere le coccinelle in movimento sulla pagina bianca e addirittura la riga centrale diventa parte del racconto.

L’onda di Suzy Lee (Corraini edizioni) è pura poesia, immagini, colori e movimento sono studiati, soppesati, quasi a voler fare del libro un piccolo tesoro. Anche in questo caso la scelta del formato e l’uso dello spazio dato dal libro vengono sfruttati al massimo. La storia narrata si rivolge a tutti, grandi e piccoli, perché a tutti è capitato di discutere con l’onda.

Meraviglioso, per storia, formato e disegni, Il barbaro di Renato Moriconi (Gallucci). Qui abbiamo un drago che potrebbe incantare tutta la famiglia oltre a suggerire storie sempre più incredibili.

Infine, per dolcezza e creatività, suggerisco Flora e il fenicottero, disegnato da Molly Idle (sempre Gallucci). Divertente, un inno all’amicizia e un manifesto per superare la diversità. Bellissimo.

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Come si chiamano le renne di Babbo Natale

Come si chiamano le renne di Babbo Natale?

Scopri come si chiamano le renne di Babbo Natale e cosa fanno e leggi i libri che raccontano le loro avventure nella notte di Natale.

La leggenda di Babbo Natale

La leggenda di Babbo Natale

Scopri la leggenda di Babbo Natale e leggi come è nata la figura dell'uomo vestito di rosso che la notte di Natale porta i regali ai bimbi.