La guerra è finita

La guerra è finita: David Almond racconta la guerra vista dai bambini

Non sono che un bambino. Com’è possibile che io sia in guerra?

Questa frase racchiude, a mio avviso, tutta la magia e la capacità di David Almond di raccontare la guerra attraverso con gli occhi di un bambino.

Descrivere la guerra è un’impresa titanica. Possiamo riportare numeri su numeri, fatti, esaltando armamenti e strategie belliche, ma quando iniziamo a raccontare storie e persone ecco che il suo fascino si sgretola, lasciando spazio alle emozioni.

La guerra è finita
David Almond, La guerra è finita

In La guerra è finita (illustrazioni di David Litchfield, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Salani Editore) David Almond riesce a dare voce ai bambini, quei bambini che ogni giorno vedevano le madri andare in fabbrica a costruire armi, missili, strumenti di morte. Bambini a cui veniva chiesto di fare i bravi, obbedire e pregare, senza dare alcuna spiegazione. Bimbi spaventati che faticavano a capire la guerra, ma che riuscivano comunque a domandarsi perché e come i bambini possono essere in guerra. Senza trovare risposte.

La guerra è finita

John, il protagonista di questa storia, deve andare in visita alla fabbrica di armi in cui lavora sua mamma e le mamme dei suoi compagni. I padri sono tutti in guerra.

Siamo in Inghilterra durante la Seconda Guerra Mondiale. Il mondo buio e grigio come sottolineano le illustrazioni. Un mondo spento dalla violenza e dalla paura.

John non riesce a spiegarsi la guerra, ma, soprattutto, non riesce a capire se e quando finirà.

Così John scrive al Re, al Vescovo, ma nessuno si degna di rispondere a un bambino.

“Vi prego, Vostra Maestà” aveva scritto. “Potreste dirmi quando finirà?”

Non era arrivata nessuna risposta.

Aveva scritto all’arcivescovo di Canterbury a Lambeth Palace, perché a scuola gli avevano parlato anche degli arcivescovi.

“Vi prego, Vostra Grazia. Ho tanta paura. Mio papà è in trincea e mia mamma lavora all’officina delle granate e ho bisogno di sapere quando finirà”.

Neanche da lì era giunta risposta.

Nemmeno a scuola davano risposte.

E chi chiede risposte, domanda la fine della guerra, viene considerato un traditore. Anche chi cerca di fare amicizia con gli altri bambini, i bambini definiti nemici. Anche chi desidera solo capire.

La guerra è finita

Un libro intenso

Scritto in maniera impeccabile, con un ritmo capace di catturare l’attenzione dei giovani lettori La guerra è finita riesce a stimolare curiosità e domande, a trasportare l’attenzione oltre la meraviglia di altre narrazioni per costringerci a soffermarsi sulle emozioni del presente. Del presente di John e dei suoi compagni.

Da leggere in classe per affrontare diversi argomenti complessi, questo libro potrà risvegliare curiosità e dubbi, e l’amore per la lettura.

Non sono che un bambino. Com’è possibile che io sia in guerra? Questa frase racchiude, a mio avviso, tutta la magia e la capacità di David Almond di raccontare la guerra attraverso con gli occhi di un bambino. Descrivere la guerra è un’impresa titanica. Possiamo riportare numeri su numeri, fatti, esaltando armamenti e strategie belliche, ma quando iniziamo a raccontare storie e persone ecco che il suo fascino si sgretola, lasciando spazio alle emozioni. David Almond, La guerra è finita In La guerra è finita (illustrazioni di David Litchfield, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Salani Editore) David Almond riesce a dare…

Score

Storia
Illustrazioni
Leggibilità
Prezzo

Consigliato

Conclusione : Un libro da leggere in classe per dare un volto realistico alla guerra e alle sue emozioni. E per capire che no, i bambini non sono mai in guerra: la guerra la fanno solo gli adulti.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Anastasia al vostro servizio

Anastasia al vostro servizio: scoppiettante romanzo di Lois Lowry

Con il romanzo Anastasia al vostro servizio Lois Lowry ci regala una storia scoppiettante con una trama inaspettata.

Le cose che ci fanno paura

Keren David racconta le cose che ci fanno paura

Leggi il romanzo Le cose che ci fanno paura e conosci le gemelle Lottie ed Evie che devono affrontare diversi problemi nella vita quotidiana.