Giornata della Memoria: quali libri leggere ai bambini?
Giornata della Memoria: quali libri leggere ai bambini?

La Giornata della Memoria: come spiegarla ai bambini

In questo periodo dell’anno la memoria riprende a funzionare, o meglio dovrebbe riprendere, e ci riporta a quei terribili momenti della seconda guerra mondiale. Vengono riproposti film e libri, il mercato ci offre novità, e le città illustrano eventi.

Personalmente ho il sospetto che la faccenda ci stia sfuggendo di mano. Se da un lato chiedere di ricordare è dovuto, ritengo che non basti un giorno. Purtroppo tendiamo a rilegare nell’oblio gli eventi più drammatici di quel periodo e, inevitabilmente, li affrontiamo solo a gennaio, quando la Giornata della memoria ci inchioda nel qui e ora, perché ci rendiamo conto che nulla è passato, nulla è dimenticato, tutto è ancora presente, forte, destabilizzante.

Eppure, ho anche la netta sensazione che oramai questo periodo dell’anno sia diventato un “mercato”, un momento sfruttato a dovere per guadagnare. Questo non è di per sé un male. Anzi, sono tantissimi i libri, per adulti e bambini, e i film, che riescono in maniera sublime a farci ricordare. Semplicemente mi piacerebbe che iniziassimo ad affrontare l’argomento come un percorso graduale, soprattutto per i bambini, non come una giornata isolata.

Soprattutto per i bambini, scrivevo, perché le emozioni che questo pezzo di storia porta con sé sono talmente forti e dense che possono destabilizzare chiunque. Molti bambini non hanno mai affrontato l’argomento a scuola, perché semplicemente non presente nel programma scolastico, non conoscono i fatti. Come possiamo pretendere, allora, che capiscano a fondo cosa è accaduto, perché è così importante ricordare, per quale motivo ogni anno il mondo si ferma per dare valore alla memoria?

Tre libri per bambini ottimi per la Giornata della memoria

Ogni cosa a suo tempo, potrebbe obiettare qualcuno. Ma alcuni libri per bambini riescono a trasmettere quella paura, quel terrore, senza però sconvolgere le emozioni dei piccoli lettori, che certo non possono essere pronte, pronte a stare di fronte a tanto male. È il caso, ad esempio di Il ciliegio di Isaac, di Lorenza Farina, un libro utile per iniziare a esplorare, a fare domande, e un aiuto concreto per i genitori che vacillano di fronte ai perché dei bambini.

Altro esempio di libro che, a mio avviso, ha centrato il bersaglio con dolcezza e verità è Fino a quando la mia stella brillerà di Daniela Palumbo e Liliana Segre. Il volume racconta il cambiamento, dalla normalità quando il noi e loro non veniva nemmeno percepito dal bambino fino al giorno che vede Liliana, la protagonista della storia, emarginata dalla sua quotidianità, dai giochi, dalle risate …. Liliana a tredici anni viene deportata ad Auschwitz, e questa è la sua storia.

I ricordi dei nonni forse si stanno sbiadendo, ma grazie ai libri possiamo raccoglierli e tramandarli è il caso di Che storia!, di Lia Tagliacozzo, che vede un gruppo di bambini incuriositi dalle immagini di un documentario dove ci sono delle persone molto magre e vestite di stracci. E il nonno prova a raccontare, con parole sue, con parole vere.

Il dovere di ricordare

Per concludere, se da un lato ricordare è un dovere, dall’altro non dimentichiamoci che i nostri bambini e ragazzi vivono un presente completamente differente, per fortuna (anche se il clima d’odio che stiamo vivendo in questi ultimi anni non ci sta certamente facendo onore), e devono avere gli strumenti per gestire qualsiasi carico di emozioni. Quindi coinvolgerli è giusto, così come dar loro informazioni e renderli cittadini attivi del presente, comprendendo il passato, ma cerchiamo di dar loro i mezzi per sostenere, capire, e stare di fronte a queste memorie che non gli appartengono.

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Davide Morosinotto, Voi

Voi, di Davide Morosinotto

Voi è un romanzo di Davide Morosinotto ricco di insegnamenti e anche di avventura, ricco di umanità, quella bella, ma anche di paure.

Anna Fogarolo, Il furto dell'identità digitale, illustrazioni di Irene Coletto, Erickson

Il furto dell’identità digitale, di Anna Fogarolo

Leggi il libro Il furto dell'identità digitale di Anna Fogarolo, risolvi i giochi e scopri perché è importante proteggere la propria identità in rete.