Claudia Flandoli, Sulle tracce del Dna
Claudia Flandoli, Sulle tracce del Dna

Sulle tracce del DNA, di Claudia Flandoli

Ci sono scogli nella vita che sembrano enormi, e il loro ricordo, accompagnato dalla fatica affrontata per superarli, è vivido in memoria. Come l’esame di neuropsicologia all’Università. Perché diciamocelo una volta per tutte: affrontare il DNA e tutto ciò che ne consegue, e il funzionamento del cervello, e soprattutto ricordarsi ogni singolo minuzioso dettaglio… è una cosa che può far andare via di testa chiunque.

In realtà, DNA e affini è un argomento che si affronta già alle superiori e che dovrebbe appassionarci molto, perché direi che ci appartiene un tantino, e invece no! Chissà per quale motivo quando a scuola ci spiegano la cellula e i suoi angoli più nascosti ai ragazzi cala la palpebra, e tanti saluti.

Ma da oggi c’è LA soluzione. Da oggi cari ragazzi non potete più tirarvi indietro, e nemmeno addormentarvi. Insomma, da oggi potete solo stare attenti perché il DNA è diventato divertente… e pure a fumetti!!!

Sulle tracce del DNA

Claudia Flandoli, Sulle tracce del Dna
Claudia Flandoli, Sulle tracce del Dna

Sulle tracce del DNA di Claudia Flandoli (Editoriale Scienza) è un libro semplicemente fantastico. Due gemelle, adolescenti, e quindi impertinenti, diventano piccole, piccole, minuscole e iniziano un viaggio incredibile dentro al nucleo per capire come funziona la cellula e il DNA. Assieme a loro un pulcino.

Già, un pulcino non c’entra a nulla, ma che ci volete fare è carino e parla, quindi è perfettamente capace di svolgere il suo ruolo di accompagnatore. Un po’ come Virgilio.

Le due gemelle, Blu e Ambra, partono così all’avventura, incontrano, e distruggono, i nucleotidi, ma con loro enorme sollievo scoprono che cantando e ballando i signori nucleotidi sono perfettamente in grado di ricombinarsi, anche senza il loro aiuto.

E cantando l’autrice spiega perché la sequenza di nucleotidi è così importante, perché contengono le informazioni e le istruzioni per creare ogni cellula. E spiega in maniera impeccabile, forse un po’ traumatizzante per nostre due gemelle ma assicuro che si riprendono in fretta, gli errori, o mutazioni genetiche, che si possono verificare.

Ambra e Blu sono due protagoniste davvero incredibili e con loro capire la polimerasi non sembrerà più una follia (dai ammettetelo… la prima volta che ne avete sentito parlare vi è sembrata una follia!), e le proteine sembreranno addirittura simpatiche, e coccole.

Un libro chiaro

Claudia Flandoli è la prof che tutti vorrebbero avere, Ambra e Blu le compagne di classe che solitamente si incontrano, e ci stanno decisamente simpatiche, il pulcino Pio…è talmente improbabile da risultare perfetto.

Non vi resta che farvi coinvolgere da questo viaggio, dal DNA e da ogni meraviglia che ne consegue. Davvero, se non riescono ad appassionarvi Ambra e Blu non avete più speranze. Ma potete sempre chiedere aiuto a Pio.

Ci sono scogli nella vita che sembrano enormi, e il loro ricordo, accompagnato dalla fatica affrontata per superarli, è vivido in memoria. Come l’esame di neuropsicologia all’Università. Perché diciamocelo una volta per tutte: affrontare il DNA e tutto ciò che ne consegue, e il funzionamento del cervello, e soprattutto ricordarsi ogni singolo minuzioso dettaglio… è una cosa che può far andare via di testa chiunque. In realtà, DNA e affini è un argomento che si affronta già alle superiori e che dovrebbe appassionarci molto, perché direi che ci appartiene un tantino, e invece no! Chissà per quale motivo quando a…

Score

Leggibilità
Storia
Illustrazioni
Prezzo

Utilissimo!

Conclusione : Un viaggio incredibile per scoprire e soprattutto capire i misteri della genetica... a fumetti!

Voto Utenti : 4.74 ( 4 voti)

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Perché i robot sono stupidi?

Perché i robot sono stupidi? Tante domande sulla robotica

Leggi il libro Perché i robot sono stupidi di Federico Taddia e Barbara Mazzolai e scopri le risposte alle tante domande sulla robotica.

Yole alla conquista della sgrammatica

Yole alla conquista della sgrammatica, divertente romanzo di Nadia Levato

Leggi la storia di Yole alla conquista della sgrammatica e scopri il mondo dei bambini e bambine che non vogliono andare a scuola.