Proverbi italiani sulla mamma
Proverbi italiani sulla mamma

Gli intensi proverbi italiani sulla mamma

Nei proverbi italiani sulla mamma, la madre spesso è citata a esempio delle migliori virtù di un popolo e il suo modo di essere e di fare è considerato un paradigma per il comportamento giusto da avere su questo nostro mondo.

I proverbi italiani sulla mamma più belli di sempre

Per la festa della mamma vi proponiamo alcuni proverbi sulla madre: un modo simpatico e leggere per riflettere sulla figura della mamma alla luce della saggezza popolare.

  • A tutte le madri paion belli i loro figli.
  • Casa mia, mamma mia.
  • Chi dice mamma, non s’inganna.
  • Di mamma ce n’è una sola.
  • Dio non poteva essere dappertutto, così ha creato le madri.
  • Dove sono i pulcini, è l’occhio della chioccia.
  • Il latte della mamma in farmacia non si vende.
  • In grembo alla madre diventano grandi i figlioli.
  • La buona madre non dice: “Volete?”, ma dà.
  • Chi ha mamma, non pianga.
  • La figlia di una buona madre è la madre di una buona figlia.
  • Mamma, fammi asino, ma fammi primo.
  • La prima e l’ultima parola dell’uomo è mamma.
  • Mamma, mamma: chi l’ha, la chiama, chi non l’ha, la brama.
  • La vecchia madre in casa è una siepe intorno ad essa.
  • Non limitarti a insegnare a tuo figlio solo quello che sai tu, perché siete nati in epoche diverse.
  • Ogni coleottero è una gazzella agli occhi di sua madre.
  • Ognun dà pane, ma non come mamma.
  • Quando la madre non è in casa, la figlia si affaccia alla finestra.
  • Chi fa più di mamma, certo m’inganna.
  • Quando la madre piange, le lacrime son sincere.
  • Chi è buona madre, è anche buona moglie.
  • Quando un fanciullo è ammalato, la miglior medicina è la mano della madre.
  • Un bambino senza una madre è un fiore senza la pioggia.
  • Vede più una buona madre con un occhio, che il padre con dieci.

Foto | Pixabay

Roberto Russo

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Titoli di favole

Titoli di favole famose: alla scoperta di belle storie da leggere

Scopri i più famosi titoli di favole di Esopo e Fedro e leggi le storie che hanno lasciato il segno nella cultura di tutta l'Europa.

Cipì

Cipì: riassunto del romanzo di Mario Lodi

Leggi il riassunto di Cipì celebre libro scritto dal maestro Mario Lodi con i suoi alunni e scopri alcune curiosità su questa bella storia.