Storia di amore e di rabbia

Storia di amore e di rabbia: leggendo il romanzo del professore più amato d’Italia

Storia di amore e di rabbia (Giunti Editore), è la nuova pubblicazione del professore più amato d’Italia, lo scrittore Andrea Maggi, insegnante nella vita e nel docu-reality di Rai Due Il Collegio.

Seguitissimo sui social da ragazzi, insegnanti, genitori, vanta pubblicazioni che sempre contengono messaggi importanti, profondi, pillole educative in grado di spingere verso la lettura, chiave giusta per non perdere mai la seduzione del pensare, della scoperta.

L’amore, la rabbia, la storia

In questa storia dal titolo emblematico, il protagonista è Ibra, diciassettenne. Ha origini senegalesi ma è nato in Italia, dove ha preso l’inflessione veneto friulana. La sua città è Portononcello, ci vive con suo padre, Omar, un omone grande e grosso di 47 anni, lavoratore serio e onesto, vedovo.

Anche Ibra, in quanto a corporatura non scherza: alto, muscoloso, un bel ragazzo abile nel calcio e amante della lettura. Lui, i libri, li divora proprio a costo di star sveglio la notte, e si muove tra gli scaffali di una libreria come un gatto in un’uccelliera.

Va a scuola, è innamorato, si confida con il suo migliore amico Marco in quel tempo della vita in cui l’amico del cuore diviene fratello.

Apparentemente dunque stiamo parlando di una situazione e di una famiglia tranquilla, integrata seppur legata alle tradizioni del suo paese d’origine (Omar non mangia cibo italiano e frequenta assiduamente la Moschea). Ma non è così semplice, non lo è mai. Padre e figlio vivono in un quartiere così detto “difficile”. E difficili sono le dinamiche che ne impregnano strade, campo di calcio, persone e… perfino l’amore.

Gli origami della vita

Una voce narrante attenta, garbata, efficace nel mostrare ambientazioni e psicologia dei personaggi, ci porta dentro i sogni di due ragazzi, sogni “normali”, puliti. Ibra vuole fare l’insegnante, l’albanese Aurora la psicologa. Tra loro, gli origami come metafora…

“Guarda, questo origami è pur sempre carta, giusto?”
“Giusto”.
“La nostra vita è come un foglio di carta: possiamo lasciarlo piatto e liscio oppure dargli la forma che più ci piace. Dipende tutto da noi”.

Non esiste una rosa senza spine

Montale, Thomas Mann, Jacopo da Lentini, Leopardi, autori d’ogni genere, libri disseminati in tutta la stanza del ragazzo, culture differenti che arrivano al lettore mediante profumi e sapori, luoghi suggestivi e parole di speranza contro le quali remano due gang che si contendono lo spaccio della droga in quella cittadina di cinquantamila anime. E Ibra, così diverso, che tra Pringles e Kebab desidera sposare Aurora e si commuove davanti a un Airone, lui che ha già imparato che anche le cose belle possono ferire.

“Vero – dice il nonno – ma una rosa senza spine che rosa è?”

Le parole come diamanti

Eppure, in tanta bellezza scaturita dai sentimenti e dai legami appena nati, non si possono ignorare le tracce di sangue nel cortile della scuola, le intimazioni assurde delle gang con le loro stupide regole, la brutale forza delle fazioni che si insinua là dove la purezza appare debole…

Il fascino delle parole emerge con tutta la sua commovente grandezza, in questo romanzo, eppure:

Niente rimette insieme quello che le parole dividono. Sono come i diamanti, le parole, belle e splendenti; ma coi diamanti ci puoi anche tagliare il granito.

E, sul setaccio di Ibran, a un certo punto de Storia di amore e di rabbia, non rimane che fango. Nessuna pepita d’oro.

Perché leggere Storia di amore e di rabbia

Come finirà questa storia non voglio certo raccontarvelo ma credo debba esser letta. Dai più giovani perché è questa l’epoca giusta per farlo. Ma anche dagli adulti, perché non dimentichino la semplicità che dovrebbe governare le menti dei ragazzi e che forse è stata anche la loro. E, nella semplicità, merita un posto d’onore la gratitudine. “Perché senza gli altri non siamo nessuno. Tutti, nessuno escluso”, dice  Andrea Maggi, che combatte la sua guerra giusta: quella dell’istruzione contro la distruzione.

Storia di amore e di rabbia (Giunti Editore), è la nuova pubblicazione del professore più amato d'Italia, lo scrittore Andrea Maggi, insegnante nella vita e nel docu-reality di Rai Due Il Collegio. Seguitissimo sui social da ragazzi, insegnanti, genitori, vanta pubblicazioni che sempre contengono messaggi importanti, profondi, pillole educative in grado di spingere verso la lettura, chiave giusta per non perdere mai la seduzione del pensare, della scoperta. L'amore, la rabbia, la storia In questa storia dal titolo emblematico, il protagonista è Ibra, diciassettenne. Ha origini senegalesi ma è nato in Italia, dove ha preso l'inflessione veneto friulana. La sua…

Score

Storia
Leggibilità
Prezzo

Veramente consigliato

Conclusione : Un'ottima lettura per comprendere il vero valore dell'istruzione

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Susanna Trossero

Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

La mia prima mitologia a fumetti

La mia prima mitologia a fumetti: bell’albo di Mirza Sandrine con illustrazioni di Clotka

Scopri La mia prima mitologia a fumetti e immergiti nella lettura delle storie per conoscere meglio le storie degli antichi dei dell'Olimpo.

bestie preistoriche

Alla scoperta delle bestie preistoriche con un meraviglioso libro pop up

Sfoglia l'albo Bestie preistoriche di Dean R. Lomax e scopri gli animali del passato grazie ai pop up veramente fatti bene.