Home > Libri > Lucky Break, di Rob Stevens
Rob Stevens, Lucky Break, Lapis edizioni
Rob Stevens, Lucky Break, Lapis edizioni

Lucky Break, di Rob Stevens

Raccontare una malattia senza mai descriverla è impresa davvero difficile. Farlo in un contesto di tristezza e riuscendo a far ridere di cuore diventa un’impresa memorabile. Lucky Break di Rob Stevens (Lapis edizioni), candidato al Premio Strega Ragazzi e ragazze, riesce in questa avventura e si rivela un romanzo davvero denso, di emozioni, risate e significati.

Lucky Break

Rob Stevens, Lucky Break, Lapis edizioni
Rob Stevens, Lucky Break, Lapis edizioni

La malattia mai citata dall’autore è la sindrome di Asperger, complessa e descritta spesso con estremi stereotipi, rigida eppure così affascinante. Anche se, a onor del vero, chi è Asperger non comprende affatto tutto il nostro interesse. Ma la malattia di Arnold, amico di Leon, protagonista di questo racconto, non è la principale fonte di ispirazione della vicenda. No è un contorno, un aiuto. Una caratteristica.

Il fulcro della storia di Leon è la morte del fratello gemello, ma anche questo fatto in realtà non è un problema, perché sebbene ci rendiamo conto che il dolore è la cornice di tutto il racconto, questo è l’inizio della narrazione.

Il vero problema di Leon è una famiglia che si sta perdendo perché non riesce a superare la morte del figlio e fratello. Lenny non si può dimenticare, è impossibile, e non parlare di lui non aiuta certo ad andare avanti, rischia solo di allontanarli.

Così, mentre la mamma vieta giochi e altre attività pericolose, mentre si reca a mille riunioni sulla sicurezza stradale, il papà lavora sempre di più per potersi immergere in altro al di fuori della famiglia, e la sorella cresce bene, tutto sommato, bisogna ammetterlo.

L’importanza dell’amicizia

Lei approvava miei amici solo se avevano “genitori deliziosi” o se venivano da una “buona famiglia”. Non ho mai capito perché gli adulti giudichino i ragazzi in base ai loro genitori.

A scuola Leon ha un nuovo compagno di classe, Arnold, strano molto strano, ma forse proprio perché non è in grado di mentire e nemmeno di sfumare la verità, è diretto e non sa fare giri di parole. È un amico semplicemente affascinante. Con lui non si può tergiversare, non si possono usare giochi di parole, non si può fare finta che il dolore non c’è… Arnold è così e basta.

Non sapevo cosa dire. Non mi veniva in mente niente che potesse farlo sentire meglio. Così, invece di parlare, gli misi un braccio intorno alle spalle e lo strinsi delicatamente. «Perché fai così?» mi chiese. «Per farti sapere che ci sono». «Lo so che ci sei. Sei seduto accanto a me». «Che ci sono come amico, intendevo». «Ah, OK. Ma visto che siamo amici dovresti sapere che il contatto fisico non mi piace». «Un vero duro!» E lo strinsi ancora più forte

Una storia bellissima, con tanti colpi di scena, alcuni davvero esilaranti, capace di far riflettere ognuno di noi. Per capire, crescere e imparare ad accettarci e ad accettare che a volte possiamo sentirci deboli di fronte al dolore e alla paura.

Gli altri libri del Premio Strega Ragazzi 2020

Questi sono i libri candidati al Premio Strega Ragazzi 2020 di cui abbiamo scritto su Libri e bambini:

Raccontare una malattia senza mai descriverla è impresa davvero difficile. Farlo in un contesto di tristezza e riuscendo a far ridere di cuore diventa un’impresa memorabile. Lucky Break di Rob Stevens (Lapis edizioni), candidato al Premio Strega Ragazzi e ragazze, riesce in questa avventura e si rivela un romanzo davvero denso, di emozioni, risate e significati. Lucky Break Rob Stevens, Lucky Break, Lapis edizioni La malattia mai citata dall’autore è la sindrome di Asperger, complessa e descritta spesso con estremi stereotipi, rigida eppure così affascinante. Anche se, a onor del vero, chi è Asperger non comprende affatto tutto il nostro…

Score

Leggibilità
Storia
Prezzo

Da leggere!

Conclusione : L’amicizia è una faccenda strana, ma forse leggendo questo libro possiamo apprezzarla di più, soprattutto quando è limpida e reale. Quando è vera.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Una tavola del libro Ruggiti

Ruggiti, di Daniela Carucci

Scopri l'albo Ruggiti scritto da Daniela Carucci e illustrato da Giulia Torelli e scopri quando metti insieme un leone, una bimba, un meccanico e un cane.

Anna Vivarelli, Il segreto del postino

Il segreto del postino, di Anna Vivarelli

Leggi la storia raccontata da Anna Vivarelli nel libro Il segreto del postino e scopri come l'amicizia può nascere ovunque.