Le cose che ci fanno paura

Keren David racconta le cose che ci fanno paura

Cosa può fare paura a due splendide adolescenti? Tutto, probabilmente. Ma l’odio, quell’odio incomprensibile, radicato in anni, secoli, di intolleranza, supera ogni normale terrore adolescenziale. E anche se ogni genitore vorrebbe rimandare un incontro così triste, assurdo e totale, non sempre la vita rispetta il volere dei genitori e il loro, nostro, desiderio di protezione. Così, anche se tutti noi amiamo la descrizione di adolescenza difficile ma leggera e superficiale, la vita può metterci di fronte all’umanità, alla realtà più complicata da capire.

Le cose che ci fanno paura di Keren David (Giuntina editore, traduzione di Lucrezia Pei, candidato al Premio Strega ragazzi e ragazze 2022, categoria 11+), è un romanzo travolgente, capace di raggiungere tantissime tematiche dalle più “leggere” come l’amore e l’amicizia, alle più dense come l’antisemitismo e l’odio razziale.

Raccontato a due voci, quelle delle gemelle Lottie ed Evie, il romanzo coinvolge sin dalle prime pagine, perché racconta la vita di tutti noi, tra amicizie e difficoltà scolastiche.

Le cose che ci fanno paura

Spensierata Evie, seria Lottie, apparentemente così diverse, ma capaci di una maturità notevole, vivono la quotidianità tra Natale, famiglia e momenti scolastici normali.

I miei non hanno imparato la regola essenziale del genitore di successo: farci vivere in pace. Abbiamo quattordici anni! In alcune culture avremmo finito la scuola e saremmo pronte per la vita da adulte. Il che ovviamente non sarebbe per forza una buona cosa. Ma almeno sarebbe un attimo di respiro da tutto questo assillo senza fine sul fatto che mangiamo troppo (io) o troppo poco (Lottie), che non ci impegniamo abbastanza (io) o che ci impegniamo troppo (Lottie), che guardiamo troppa tv (io) o che facciamo troppo esercizio fisico (Lottie), e così via.

L’autrice conquista lettori e lettrici dando la parola una volta a Evie e una volta a Lottie, riuscendo a sintetizzare tutte le diversità dell’adolescenza e del nostro tempo. Portando paure e speranze alla portata di tutti e lasciando che la naturale empatia si manifesti capitolo dopo capitolo.

Perché leggere il romanzo Le cose che ci fanno paura

Ma la leggerezza delle ragazze è destinata a infrangersi di fronte all’odio razziale e all’antisemitismo, al bullismo e all’intolleranza. Un odio irruento che riuscirà a far vedere alle sorelle anche le loro similitudini, e assieme a nuovi e vecchi amici scopriranno le proprie origini, le paure a cui non osavano dare un nome, le diversità così presenti e mai accettate.

Le cose che ci fanno paura è un romanzo di formazione per ragazzi e ragazze, ma adatto a tutte le età, attuale, reale e colmo di insegnamenti, mai pedante o noioso, lo stile frizzante dell’autrice riesce a rendere anche l’azione più irreparabile in un momento di riflessione, e la sua capacità di alternare le riflessioni spassose delle sorelle a eventi seri rende il racconto una piacevole scoperta.

I libri del Premio Strega ragazze e ragazzi 2022

Su Libri e bambini presentiamo i testi selezionati per il Premio Strega ragazze e ragazzi 2022.

Categoria 6+

Libri categoria 8+

Categoria 11+

Cosa può fare paura a due splendide adolescenti? Tutto, probabilmente. Ma l’odio, quell’odio incomprensibile, radicato in anni, secoli, di intolleranza, supera ogni normale terrore adolescenziale. E anche se ogni genitore vorrebbe rimandare un incontro così triste, assurdo e totale, non sempre la vita rispetta il volere dei genitori e il loro, nostro, desiderio di protezione. Così, anche se tutti noi amiamo la descrizione di adolescenza difficile ma leggera e superficiale, la vita può metterci di fronte all’umanità, alla realtà più complicata da capire. Le cose che ci fanno paura di Keren David (Giuntina editore, traduzione di Lucrezia Pei, candidato al…

Score

Storia
Leggibilità
Prezzo

Lettura molto utile

Conclusione : Un romanzo di formazione per ogni età, per conoscere l’odio e trovare le risorse per contrastare ogni forma di razzismo.

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Anna Fogarolo

Anna Fogarolo è consulente per le attività di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR specialist. In passato ha svolto l'attività di fotogiornalista per le maggiori testate italiane e ha scritto contenuti per alcuni noti portali e network. Con le Edizioni Erickson ha pubblicato «Do you speak Facebook? Guida per genitori e insegnanti al linguaggio dei social network» e «Il web è nostro. Guida per ragazzi svegli», testo presentato alla seconda edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Anastasia al vostro servizio

Anastasia al vostro servizio: scoppiettante romanzo di Lois Lowry

Con il romanzo Anastasia al vostro servizio Lois Lowry ci regala una storia scoppiettante con una trama inaspettata.

Giuditta e l'orecchio del diavolo

Giuditta e l’Orecchio del Diavolo: Francesco D’Adamo racconta una storia per conoscere e comprendere

Leggi il romanzo Giuditta e l'Orecchio del Diavolo e scopri una bella storia scritta da Francesco D'Adamo per capire alcuni eventi storici.